This content is not available in your region

Botte alla compagna, chiama parente e dice 'l'ho uccisa'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
'Parenti indirizzati da infermieri verso alcune pompe funebri'
'Parenti indirizzati da infermieri verso alcune pompe funebri'

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">REGGIO</span> <span class="caps">EMILIA</span>, 03 <span class="caps">GEN</span> – Durante una lite per motivi<br /> banali ha massacrato di pugni la compagna, lasciandola priva di<br /> sensi in terra. A quel punto ha chiamato un parente chiedendogli<br /> di venirlo a prendere, convinto di averla ammazzata. È successo<br /> nella notte di Capodanno a Reggio Emilia, dove i carabinieri<br /> sono intervenuti in una casa della città e hanno arrestato un<br /> trentenne italiano per lesioni personali aggravate e<br /> maltrattamenti. L’uomo si trova in carcere a Modena, a<br /> disposizione della Procura reggiana e sono in corso accertamenti<br /> per valutare se, come pare, ci siano stati episodi di violenza<br /> anche in passato. La giovane, anche lei trentenne, è stata ricoverata in<br /> ospedale con fratture al volto. L’intervento dei carabinieri di<br /> Reggio Emilia è delle tre di notte: i militari hanno trovato la<br /> donna, che nel frattempo si era ripresa, in lacrime e con gli<br /> abiti insanguinati mentre il compagno si era nascosto sotto a un<br /> letto. È stato bloccato e arrestato, mentre la vittima è stata<br /> affidata al 118. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.