Addio a Richard Rogers. L'architetto firmò con Renzo Piano il progetto del Centre Pompidou

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
L'architetto Richard Rogers
L'architetto Richard Rogers   -   Diritti d'autore  Fernando Llano/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Addio a Richard Rogers, vincitore del Premio Pritzker. Il celere architetto italo-britannico si è spento all’età di 88 anni nella sua casa di Londra. Famoso in tutto il mondo per aver progettato insieme a Renzo Piano il Centre Pompidou a Parigi, Rogers si guadagnò numerosi premi e riconoscimenti nel corso della sua lunga carriera. Un mix di innovazione e genialità.

Rogers era nato a Firenze, dove viveva la sua famiglia di origine inglese che all’inizio della Seconda Guerra Mondiale tornò nel Regno Unito. Della stessa famiglia faceva anche parte (era cugino di suo padre) Ernesto Nathan Rogers, che fu tra i più importanti architetti italiani del Novecento, completando progetti importanti – come la Torre Velasca a Milano – sia a suo nome sia col gruppo noto come BBPR.

Tra gli altri lavori del celebre architetto l'edificio dei Lloyd's nella City, il Millennium Dome a Greenwich, la Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo e il terminal 4 dell’aeroporto di Madrid-Barajas, in Spagna.

euronews
Il Centre George Pompidoueuronews

Il celebre spazio parigino

Il centro Pompidou, che Richard Rogers realizzò insieme agli architetti italiani Renzo Piano e Gianfranco Franchini, è uno dei principali spazi espositivi e centri culturali europei.

Fu progettato nel 1971 e inaugurato sei anni dopo. È famoso per la sua architettura che contrasta con lo stile dei quartieri parigini che lo circondano. Il team dei tre architetti pensò di posizionare i tubi dell’acqua e i condotti dell’impianto di aerazione, colorati, all’esterno dell’edificio, così come la scala mobile a tubo che si utilizza per entrare.