This content is not available in your region

Al G7 in Cornovaglia la sfida occidentale alla Via della Seta

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo
Al G7 in Cornovaglia la sfida occidentale alla Via della Seta
Diritti d'autore  Jack Hill/AP   -  

Per rimarcare che il clima sarà uno dei temi su cui i G7 sono chiamati ad agire, la regina Elisabetta ha ospitato i leader all'Eden Project in Cornovaglia, che da vecchia cava si è trasformata in giardino botanico.

I Paesi del G7 sperano di raggiungere un accordo per mettere al sicuro almeno il 30% della terra e degli oceani entro il 2030.

"La lotta contro questa terribile pandemia - ha detto il principe Carlo facendo gli onori di casa - fornisce, se mai ce ne fosse bisogno, un esempio cristallino della portata e della velocità con cui la comunità globale può affrontare le crisi quando combiniamo la volontà politica con l'ingegno imprenditoriale e la mobilitazione pubblica. Signore e signori, lo stiamo facendo per la pandemia, quindi, se non vi dispiace che lo dica, dobbiamo farlo anche per il pianeta.

Convitato di pietra

Il convitato di pietra dell'incontro è la Cina, visto che quasi tutti i punti in agenda riguardano qualche aspetto dei rapporti con Pechino, a partire dalla proposta di Joe Biden di una sorta di Via della Seta occidentale, con un meccanismo di investimenti trasparenti e sostenibili in infrastrutture nei Paesi a basso e medio reddito. 

L'alleanza sulla sponda atlantica verrà rafforzata la settimana prossima, quando l'Ue e gli Usa firmeranno a Bruxelles un'intesa su commercio e digitale per contrastare l'ascesa della Cina, promuovendo i valori democratici. Un passo che getterà le basi per la nascita nascita del Consiglio commercio e tecnologia Ue-Usa.

Intanto nel primo giorno del G7, Boris Johnson e Joe Biden hanno promesso che i leader si impegneranno a condividere 1 miliardo di dosi di vaccino Covid-19 con i paesi del mondo.