This content is not available in your region

L'Ucraina riconfina per la seconda volta

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
L'Ucraina riconfina per la seconda volta
Diritti d'autore  Evgeniy Maloletka/ Associated Press   -  

L'Ucraina è entrata in confinamento questo fine settimana, ed è la seconda volta, poiché il Covid-19 ha colpito duramente il paese a novembre e dicembre. A Kiev, come nel resto del mondo, i residenti attendono con impazienza una campagna di vaccinazione che potrebbe iniziare a marzo. Ma le operazioni non sono semplici.

Dice la dottoressa Viktoria Mahnych: "La prima volta che siamo venuti da un paziente per fare un test eravamo completamente vestiti con costumi protettivi. I vicini ci hanno quasi picchiati, perché avevano paura".

Anche il presidente ucraino è risultato positivo

L'Ucraina ha appena superato la soglia, ufficiale, dei 20.000 morti e il 30 dicembre il presidente Zelensky ha annunciato che il governo aveva ordinato 1,8 milioni di dosi del vaccino cinese Sinovac e che l'Ucraina avrebbe beneficiato del programma Covax, un sistema globale di acquisto di vaccini.

Nei giorni scorsi il laboratorio Biolek di Kharkiv, ha chiesto al governo di testare, produrre e distribuire in Ucraina il vaccino Sputnik V, progettato in Russia. Il governo mantiene un profilo basso, ma bisogna immaginare il dilemma per gli ucraini: dover inoculare il vaccino prodotto da uno stato con cui si è in guerra. Guerra che ha finora prodotto almeno 15.000 vittime.

Intanto gli ucraini di affidano a interventi divini.  Una donna afferma: "Dio ci salva da tutto nella Sua casa. Ci salverà anche dal (coronavirus). Non dovrebbero esserci maschere vicino al tempio. Chiediamo benedizione a Dio".

Per quanto riguarda il laboratorio Biolek, esso è sostenuto da Viktor Medvedchuk, leader dell'opposizione filo-russa in Ucraina, molto vicino a Vladimir Putin.