This content is not available in your region

Libano, perché la gente non si fida

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Libano, perché la gente non si fida
Diritti d'autore  AP Photo/Bilal Hussein

Sono passati oltre tre mesi, ma la gente, soprattutto i giovani,  continua a scendere in strada in Libano in protesta contro la corruzione e il malgoverno. Sono tutti accomunati dallo slogan "Nessuna fiducia!".  Diversi cortei hanno marciato sul centro della capitale. I manifestanti protestano dal 17 ottobre scorso e chiedono un completo ricambio della classe dirigente, accusata di corruzione e incompetenza, e la formazione di un governo di tecnici, non affiliato ai partiti che dominano in Libano dalla fine della guerra civile, nel 1990. Il governo da poco formato, secondo loro è un'emanazione di quei partiti.

Nel paese è in atto da decadi una suddivisione dei poteri su base confessionale. Il fatto è che, per mantenere questo stato di cose, è anche da tanto tempo che non si svolge un vero sondaggio al riguardo, su base nazionale. La popolazione è cambiata, così come sono cambiati i costumi in uno stato dove la componente laica è sempre più grande. Uno stato di cose che non piace ovviamente ai partiti tradizionalisti che questta situazione di cleptocrazia e corruzione genralizzata hanno continuato a creare. Per questo chi protesta non ha nessuna fiducia nei cambiamenti promossi dal mondo politico.

Secondo i manifestanti, il governo di Hassan Diab, nato dopo giorni di incertezza, durante i quali la crisi economica è cresciuta, migliaia di persone hanno perso il lavoro e il Paese si è impoverito, non è quanto "chiesto dal popolo". E questo anche se l'attuale esecutivo almeno formalmente è composto da tecnici e accademici.