This content is not available in your region

Russia: il ritorno dei figli dei foreign fighters

Access to the comments Commenti
Di euronews
Russia: il ritorno dei figli dei foreign fighters

Per molti di loro forse sarà stato il primo volo della vita: da Baghdad a Mosca con un biglietto di sola andata. Nella capitale russa sono arrivati lunedì sera stretti nei loro cappotti, in braccio a qualcuno che non è la mamma. 

Sono i figli dei foreign fighter russi: una trentina di bambini che sono stati rimpatriati mentre le loro madri jihadiste si trovano in stato di arresto in Iraq. 

La Russia, differentemente da altri Paesi e nonostante il rischio evidenziato anche dai servizi segreti in report recenti, ha da sempre adottato la dottrina del rimpatrio dei famigliari dei jihadisti, e già 122 minori sono tornati a casa; molti di loro si trovano nelle repubbliche ex sovietiche a prevalenza musulmana del Caucaso, come la Cecenia: luoghi da cui sono partiti in tanti per unirsi allo stato islamico.

All'inizio di novembre** il capo dei servizi segreti russi (FSB), Alexander Bortnikov ha insistito sui rischi posti dal possibile ritorno in Russia di 2.000 donne e bambini di jihadisti russi.**

Per saperne di più leggi: "Foreign fighter, cosa fare con i combattenti di ritorno".