This content is not available in your region

Vertice ad Ankara sulla Siria

Access to the comments Commenti
Di Michele Carlino
Vertice ad Ankara sulla Siria

Al vertice tra Turchia, Russia e Iran, il quinto, dedicato alla Siria, il presidente turco Erdogan ha annunciato la creazione di una zona cuscinetto a est dell'Eufrate dove far ritornare buona parte dei siriani attualmente rifugiati in Turchia, e si è detto pronto ad agire unilateralmente in caso di disaccordo degli Usa.

Erdogan: "Pronti ad azioni unilaterali se Usa non sono d'accordo"

"In questa area possono essere insediati almeno 2 milioni di fratelli e sorelle siriani che sono attualmente assistiti nel nostro paese. Inoltre, se estendiamo la zona da Deir al-Zor a Raqqa il numero di siriani che potranno tornare può superare i tre milioni".

Il presidente russo Putin, dal canto suo, ha auspicato il ritiro delle forze militari straniere dal paese una volta finito il conflitto, e ha definito illegali la stessa presenza statuniense.

Putin: "Illegale la presenza in Siria delle forze armate Usa"

"La presenza sul territorio siriano delle forze armate dispiegate dagli Usa è illegale, e lo sanno bene tutti. Noi partiamo dal fatto che la decisione del presidente statunitense Trump di ritirare le proprie truppe sarà messa in atto e arriverà a compimento".

I tre leaders hanno concordato l'avvio dell'Assemblea costituente siriana, una decisione che alimenta le speranze per una soluzione politica del conflitto, e hanno assunto l'impegno di evitare un peggioramento della situazione umanitaria, soprattutto nella regione di Idlib