ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le note del Gabala Music Festival risuonano tra i monti del Caucaso

Lettura in corso:

Le note del Gabala Music Festival risuonano tra i monti del Caucaso

Le note del Gabala Music Festival risuonano tra i monti del Caucaso
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Gabala International Music Festival in Azerbaigian celebra quest'anno il suo decimo anniversario. Inizialmente festival di musica classica, nel corso degli anni l'evento si è aperto ad altri generi. I direttori artistici sono Farhad Badalbeyli, professore e rettore dell'Accademia di musica di Baku, e il violoncellista e direttore d'orchestra Dmitry Yablonski. L'inviato di Euronews Wolfgang Spindler ha incontrato il celebre musicista russo, che vive al confine tra Francia e Spagna, nel villaggio catalano di Angoustrine-Villeneuve-des-Escaldes, e gli ha chiesto di suonargli qualche nota sul suo violoncello fabbricato nel diciottesimo secolo dal liutaio italiano Andrea Guarneri.

Yablonski ha poi ricordato la serata d'apertura della prima edizione: "Era un pubblico misto. Alcuni, arrivati da Londra, abituati a Covent Garden o alla Filarmonica di Berlino, improvvisamente si trovavano a sedere accanto a persone che assistevano a un concerto di musica classica per la prima volta, con i loro bambini. C'è stato un anno in cui abbiamo contato gli spettatori, avevamo 25 mila persone nel pubblico, non è poco".

Cuba: il son

Quest'anno da Cuba sono arrivati i Jóvenes Clásicos del Son. Il son cubano è un ricco genere musicale sviluppatosi nella seconda metà del diciannovesimo secolo che mescola elementi d'origine spagnola e africana. Il gruppo è stato fondato nel 1994 all'Avana da Ernesto Reyes Proenza "Palma", che dice: "Cuba è un paese che rigurgita di musicisti di tutti i tipi, di tutti i generi. A Cuba noi diciamo che basta lanciare un grido e sei un musicista. Suonano qualunque cosa, il tres, la chitarra, le percussioni, la tromba... e diversi generi musicali. Cuba è una scuola naturale di musica cubana, di tutti gli stili".

Israele: il piano suonato a più mani

Spettacolare l'esibizione dell'ensemble israeliano MultiPiano, a otto mani su due pianoforti. Ma possono suonare anche a dieci mani. Il progetto MultiPiano è stato lanciato 8 anni fa sotto l'egida della Buchmann-Mehta School of Music. Il professore Tomer Lev è uno dei fondatori dell'istituto, e spiega che questa pratica era "molto popolare nel diciannovesimo secolo, quando c'erano ensemble che suonavano musica da camera per un piano a sei mani o per due piani a otto mani, ma è andata dimenticata nel corso degli anni. L'obiettivo di quest'ensemble è di ridare popolarità a quest'arte".

La musica Mugham, perla dell'Azerbaigian

A un festival musicale azero non poteva mancare la musica Mugham, il genere folk più popolare dell'Azerbaigian, inclusa nella lista Unesco del Patrimonio immateriale dell'umanità. Sahib Pashazade è uno dei più virtuosi musicisti che suonano il tar, uno degli strumenti chiave di questo genere, uno strumento che, dice, "Per me magico, perché la musica Mugham azera è un tipo di musica mistica e sensuale. La musica Mugham è anche molto filosofica". Si tratta in effetti di una forma d'arte estremamente complessa che unisce poesia classica e improvvisazione musicale. Al festival si sono esibiti alcuni dei migliori musicisti e cantanti Mugham del paese.

Altro da Cult