ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I ritratti dei sopravvissuti alla battaglia di Mosul e a tre anni di Isis

Lettura in corso:

I ritratti dei sopravvissuti alla battaglia di Mosul e a tre anni di Isis

I ritratti dei sopravvissuti alla battaglia di Mosul e a tre anni di Isis
@ Copyright :
Monica Pinna
Dimensioni di testo Aa Aa

Durante il nostro viaggio a Mosul (qui trovate la prima parte del reportage Aid Zone) abbiamo incontrato i sopravvissuti alla battaglia di liberazione della città, durata 9 mesi, ma soprattutto ai tre anni di occupazione da parte del Califfato islamico. Ciascuna delle persone che troverete in questa pagina ha subito gravi traumi e ferite: le loro storie sono simili a quelle di altre 54mila persone nella sola città del nord iracheno.

La battaglia condotta dalle forze irachene sostenute dai Peshmerga e dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti è costata la vita ad un numero di persone ancora difficile da quantificare: tra le 9mila le 11mila, a seconda delle fonti consultate. Molti de residenti che stanno tornando, e che saranno le fondamenta su cui basare la ricostruzione della città, portano addosso i segni del passato.

Oltre 4 mila persone sono in attesa di una protesi a Mosul.

Ho incontrato brevemente Abdul Rahman presso il centro di riabilitazione di Handicap International nell'est di Mosul. Mi ha guardato con lo sguardo vitreo e triste. Ha sei anni e nel giugno 2016 ha perso la gamba durante un bombardamento. La stessa esplosione ha ucciso suo padre. La nonna di Abdul lo ha portato alla clinica per un controllo dopo che gli è stato messa una protesi.

Abdul Rahman Salih (Monica Pinna)

Il centro di Handicap International sostiene le vittime di guerra. Molti di loro sono mutilati che necessitano di riabilitazione ma abbiamo incontrato anche giovani con lesioni alla colonna vertebrale e pazienti ustionati. Questi ultimi sono tra i feriti di guerra più comuni trattati qui.

Monica Pinna
Handicap International rehabilitation centre in East MosulMonica Pinna

Ad Adil l'Isis ha tagliato la mano. Ci ha detto che stava cercando di scappare, ma è stato catturato. Sapeva che il Califfato uccideva le persone che fuggivano ma l'ha fatto per trovare del grano per sfamare la famiglia. Dieci giorni più tardi l'Isis ha raccolto una folla di vicini e gli ha mozzato la mano davanti a tutti con un coltello da macellaio. Doveva servire da esempio. Ci siamo recati con lui al centro di riabilitazione d'emergenza di Sulaymaniyah dove ha ricevuto una protesi.

Monica Pinna
Adil Khalid Basheer, 28 years oldMonica Pinna

Adil Abdul è stato ferito davanti a casa sua. Stava per aprire la porta di casa per i tre figli quando è avvenuta l'esplosione. Ha perso coscienza e quando si è svegliato si è reso conto che la sua gamba non c'era più, e con lei se ne erano andati per sempre due dei suoi figli. Ada, che all'epoca aveva 10 anni, è sopravvissuta ma ha perso anche lei la gamba.

Mi hanno portato a casa loro nella Mosul occidentale dove ha avuto luogo l'esplosione.

La casa è danneggiata e attualmente la famiglia - o ciò che ne rimane - è alloggiata da alcuni parenti dall'altra parte della città. Adil aspetta di mettere da parte abbastanza soldi per essere in grado di ricostruire la casa di famiglia.

Monica Pinna
Adil Abdul Ghany, 43 years oldMonica Pinna

Ahmed, infine, ha perso entrambe le gambe nel novembre 2016. Sua madre, accanto a lui nella foto, ha perso anch'essa una gamba. Le loro lesioni sono state causate da un sifone collegato ad un filo metallico. L'esplosione ha ucciso suo marito e ferito altre quattro persone.

Ahmed ci ha detto che 26 membri della loro famiglia, in tutto, hanno perso la vita da quando l'ISIS ha preso il controllo di Mosul.

Ahmed Abdul Ameer, 28 anni
Monica PinnaAhmed Abdul Ameer, 28 anni

Mosul, un anno dopo la liberazione prioritario lo sminamento