ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: tutto distrutto in pochi minuti

Lettura in corso:

Grecia: tutto distrutto in pochi minuti

Grecia: tutto distrutto in pochi minuti
Dimensioni di testo Aa Aa

La triste cronistoria di una tragedia senza fine

Troppo caldo? Incendi dolosi?
Sarà la magistratura a fare il suo corso.

Ma, intanto, facciamo la cronistoria di una tragedia senza fine di quello che è successo e sta ancora succedendo in Grecia.

Il secondo grande incendio che ha travolto la Grecia è scoppiato lunedì pomeriggio nelle aree di Penteli e Rafina, a nord-est di Atene.

Sono stati evacuati campi estivi per bambini e una stazione balneare per ufficiali militari, oltre a residenze nella zona. Decine di case e automobili sono state distrutte.

Non c'era ancora una cifra ufficiale su quante persone sono state evacuate

Il fuoco stava bruciando la città di Rafina, vicino al porto che serve i traghetti per le isole Cicladi. La superstrada per la vicina città di Maratona era stata chiusa al traffico.

La velocità del vento e del fuoco

A causa del forte vento, il fuoco ha raggiunto Neos Voutzas, dove sono state distrutte molte case. La velocità con cui il fuoco si è propagato ha colto tutti di sorpresa e si crede che ciò abbia contribuito all'elevato numero di morti.

"L'incendio è scoppiato ed entro 20 minuti era già fuori dai confini di Penteli e aveva raggiunto Neos Voutzas", spiega Vlasis Siomos, della locale associazione per la protezione e la tutela del monte Pentelikon. "Dopodiché è stata questione di minuti, non di ore, perché il fuoco raggiungesse il mare".

Vlasis Siomos, dell'associazione per la protezione del monte Pentelikon.

"Ero al portico con i bambini e il fuoco è iniziato. Nel giro di 3 minuti è esploso del tutto ha raggiunto la casa. I venti erano molto alti, Forza 10 della scala Beaufort, forse di più. Sono riuscito a prendere i bambini e lasciare la casa", ricorda Chrisostomos Giotkis, residente a Neos Voutzas.

Chrisostomos Giotkis durante l'intervista davanti alla casa parzialmente bruciata.

Il fuoco ha attraversato la superstrada chiamata Marathonos Avenue e ha raggiunto la località balneare di Mati, a circa 15 km a est della capitale Atene.

A Mati nessuno aveva detto di fuggire

Lì alla gente non era stato detto di evacuare le loro case. Alcune persone si sono rifugiate nelle loro case perché le strade strette erano piene di auto in fuga. Molte persone sono scappate in mare per rifugiarsi sulle barche, ma non tutti sono riusciti a farlo.

"Le fiamme hanno attraversato le colline e le gole in pochi minuti. Questo è la superstrada Marathonos Avenue, che collega la zona con Atene. Il fuoco ha attraversato la strada in pochi secondi. Non c'era nulla che potesse fermare la sua corsa verso il mare", commenta l'inviato di Euronews, il giornalista Michalis Arampatzoglu.

L'inviato di Euronews, Michalis Arampatzoglou.