ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Francia a un passo dalla coppa del mondo

Lettura in corso:

La Francia a un passo dalla coppa del mondo

La Francia a un passo dalla coppa del mondo
Dimensioni di testo Aa Aa

La Francia tocca il vertice della competizione mondiale senza attirare troppa attenzione: ha vinto sempre di misura, ma con una certa efficienza. Né l'Argentina di Messi, né la promettente "generazione d'oro" belga hanno retto il confronto con Les Bleus che hanno messo insieme la più completa ed equilibrata compagine del Mondiale 2018.

Vent'anni dopo la vittoria in casa della Coppa del Mondo la Francia potrebbe fare il bis, ma la rivale Croazia resta pericolosa. I francesi dovranno fare attenzione al talento molto insidioso dei centrocampisti croati e della loro energia. Lo ammettono gli stessi calciatori francesi e il loro ct.

Sebbene la Francia parte favorita, i giocatori frenano l'entusiasmo. "Siamo ancora lontani da vincere il trofeo - ha detto il capitano dei Les Bleus Hugo Lloris - I croati hanno dimostrato di possedere qualità mentali e fisiche straordinarie".

Già, perché dopo le dolorose sconfitte subite in finali importanti - prima contro l'Italia nel Mondiale 2006, poi contro il Portogallo nell'Europeo 2016 - i francesi hanno imparato la prudenza. In particolare l'ultimo Europeo è un ricordo che ancora brucia nella memoria dei giocatori. "E' stata una sconfitta difficile da digerire - ha detto Lloris - Non sapevamo se avremmo avuto un'altra opportunità di rappresentare il calcio del nostro paese".

Per Deschamps quella sconfitta ha insegnato molto alla nazionale francese. "Ci è servita da lezione - ha detto - solo attraversando situazioni difficili come quella si ha la possibilità di migliorare". Una lezione che significa: mai sottovalutare l'avversario, specialmente in una finale. Infatti, anche se la Croazia non possa vantare stelle nascenti come Kylian Mbappé, i francesi dovranno fare attenzione al talento più discreto, ma non per questo meno pericoloso, dei centrocampisti croati. Primo fra tutti Luka Modric, che lo stesso Deschamps ha definito "un giocatore con una grande intelligenza, che esercita una grande influenza sulla sua squadra".