ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania, è possibile ricevere 50mila euro di multa per aver ucciso una vespa?

Lettura in corso:

Germania, è possibile ricevere 50mila euro di multa per aver ucciso una vespa?

Germania, è possibile ricevere 50mila euro di multa per aver ucciso una vespa?
Dimensioni di testo Aa Aa

Succede un po' in tutto il mondo: con l'aumento delle temperature aumenta anche il numero degli insetti. Alcuni sono decisamente più fastidiosi di altri per gli esseri umani, come le zanzare o le vespe, che spesso molestano le serate estive mentre, in giardino o in balcone, si si mangia un gelato o un pezzo di anguria.

Il riflesso spontaneo di molte persone, ovvero schiacciare l'insetto con mano e paletta, potrebbe costare però molto caro in Germania dove la pratica è generalmente vietata. La legge federale sulla conservazione della natura (BNatSchG) vieta il disturbo intenzionale delle vespe - e di altri animali selvatici - ma anche la cattura, il ferimento o l'uccisione senza un motivo ragionevole.

Esiste un catalogo in cui sono elencati altri animali selvatici, a seconda dei singoli Länder. In esso figurano coleotteri, scoiattoli, bombi, talpe, farfalle, lumache, cozze e lupi, oltre agli animali domestici comuni e agli insetti.

Chiunque uccida, catturi o ferisca specie di vespe particolarmente protette rischia multe pesanti, tra i 5mila e i 50mila euro.

Molti non sanno che, delle circa 10mila specie di vespe esistenti, solo due sono veramente pericolose per l'uomo. Lo spiega l'avvocato Andreas Ackenheil a euronews: tra esse, la "vespa tedesca" e quella "comune". "Tutte le altre sono innocue" e, normalmente, non vivono in prossimità di insediamenti umani.

"Tuttavia le persone che soffrono di allergie possono essere particolarmente a rischio. Ci deve quindi essere un'eccezione. Prima di essere davvero in pericolo, devi essere autorizzato a ucciderla", dice Ackenheil.

Le multe tuttavia "non vengono davvero comminate", aggiunge l'avvocato.

Naturalmente la decisione avviene caso per caso: quando ci si trova di fronte ad un trasferimento o alla fumigazione del nido di vespe, per esempio. Nella realtà le multe ammontano di solito a diverse centinaia di euro, secondo Ackenheil. Solo i casi estremi finiscono in tribunale.

Nella maggior parte dei casi, l'infrazione non viene neppure segnalata alle autorità.

È inoltre necessaria un'autorizzazione per spostare o rimuovere i nidi percepiti come fastidiosi. Se si chiede aiuto ad uno specialista bisogna essere certi che sia in possesso dei documenti necessari.

Le ammende di diverse migliaia di euro hanno un effetto puramente deterrente: l'uccisione degli insetti, tra cui le vespe, ha conseguenze di vasta portata per la natura.

Contribuiscono in modo significativo al mantenimento dell'equilibrio ecologico, uccidono le zanzare, le mosche della frutta e altri parassiti; fanno da spazzini e, come le api, svolgono un ruolo importante nell'impollinazione dei fiori.

Ackenheil sottolinea il ruolo dell'educazione in materia, dove si vedono già dei progressi: nelle zone rurali sono aumentati gli insetti perché gli agricoltori usano oggi meno pesticidi.