ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le mille difficoltà dei giovani di Gaza

Lettura in corso:

Le mille difficoltà dei giovani di Gaza

Le mille difficoltà dei giovani di Gaza
Dimensioni di testo Aa Aa

Un milione e 800mila palestinesi restano bloccati a Gaza, senza libero accesso al territorio circostante e al mondo esterno secondo l'Ufficio per la Coordinazione degli Affari Umanitari delle Nazioni Unite.

Oltre la metà di loro vive in povertà, ossia con meno di 4,6 dollari al giorno.

L'economia di Gaza ha subito un tracollo dal blocco del 2007 come spiega l'economista Moeen Rajab. "Ci sono stime ufficiali del livello di disoccupazione nella Striscia di Gaza che parlano del 43/44 per cento in generale con punte del 50/60% nelle fasce giovanili. E' una delle conseguenze del blocco che limita le opportunità di lavoro e chiude tutte le porte alla produttività e allo sviluppo".

Gaza Sky Geeks è una start up del settore tecnologico che offre spazi di cooworking nella Gaza bloccata. Saed Habib spiega che il lavoro a distanza è la risposta: "Il lavoro a distanza è uno stile di vita per chi ne abbia le capacità e che può lavoraer online. Viviamo in quest'area, soffriamo delle condizioni generali che ci circondano e quello che i laureati affrontano ogni giorno è un assedio soffocante che ha distrutto tutte le opportunità, la disoccupazione e la graduale diminuzione delle opportunità"

Qualche anno fa le Nazioni Unite hanno avvisato che Gaza diventerà ivivibile entro il 2020. Il rapporto parla di condizioni che stanno peggiorando più velocemente e maggiormente del previsto