ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da rifugiati a contribuenti: ecco l'immigrazione di cui l'UE ha bisogno

Lettura in corso:

Da rifugiati a contribuenti: ecco l'immigrazione di cui l'UE ha bisogno

Da rifugiati a contribuenti: ecco l'immigrazione di cui l'UE ha bisogno
Dimensioni di testo Aa Aa

Per far fronte all'invecchiamento complessivo della società e alla diminuzione della sua popolazione attiva, i Paesi bassi hanno puntato sull'integrazione dei rifugiati. Grazie al progetto pilota Skills2work, reso operativo dall'Organizzazione mondiale per le migrazioni, John, rifugiato siriano, si è convertito dal direttore delle vendite a cuoco per una società di catering ad Amsterdam. Un passo importante per ricostruirsi una nuova vita.

John, rifugiato siriano ha trovato lavoro come cuoco presso una società di caterina ad Amsterdam e paga regolarmente i contributi

"Sono così felice di pagare le tasse perché grazie a Dio non ho più bisogno dei sussidi statali, di cui ho beneficiato per 6 mesi. Sono soldi presi da altre persone, quelli che pagano le tasse, e ora li sto restituendo e sto pagando anche per le altre persone che hanno bisogno di aiuti sociali. Comincio a sentire che questo è il mio paese, questo è il mio popolo e i miei colleghi sono così accoglienti...mi fanno sentire a casa ".

Il programma Skills2work ha permesso di mettere in contatto migliaia di rifugiati e migranti con le autorità locali, aziende di risorse umane e ONG. Imparare la lingua è la sfida principale. Manpower, che ha gestito il progetto cerca di valorizzare le abilità di ogni persona.

"Ogni individuo è diverso, non facciamo soltanto un'unica formazione per tutti i rifugiati - spiega Dirko Dekker, manager presso Manpower.- In alcuni casi lavoriamo anche con i comuni e cerchiamo di spiegare a chi cerca un impiego come funziona il mercato del lavoro nei Paesi Bassi, come si scrive un curriculum e come ci si relaziona con i colleghi".

La nostra corrispondente, Isabel Marques da Silva ci racconta che "si parla molto di canali legali e sicuri per portare i migranti e i rifugiati in Europa: uno di questi è l'estensione del permesso di lavoro, o Carta blu, creata nel 2009. Ma la revisione di questa direttiva è stata bloccata per mesi".

Il parlamento UE vorrebbe applicare la carta blu ai rifugiati con qualche modifica

Il parlamento vorrebbe applicare la Carta blu ai rifugiati e renderla più flessibile, vale a dire che i contratti potrebbero durare anche solo 6 mesi, prevedere un'equivalenza tra l'esperienza professionale e i titoli di studio e la possibilità di ottenere la residenza in un altro Stato membro dopo solo 3 anni invece di 5.

Ma alcuni stati membri a dicembre hanno bloccato questo processo per mancanza di volontà politica.

"Ci aspettiamo di andare in giro per il mondo e di decidere ciò che prendiamo dal resto del mondo, e poi non vogliamo nemmeno gestire l'immigrazione - spiega Claude Moraes, presidente della commissione parlamentare per le libertà civili-. Questo è un problema che è stato reso evidente in questa semplice revisione della Carta blu, uno strumento che è stato usato parecchio da paesi come la Germania ma che ora a causa di un dibattito tossico è stato bloccato".

La speranza è che sempre più persone come John possano contribuire alle economie europee.

Interviste e riprese di Isabel Marques da Silva