ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Una Forza militare europea senza l'Italia

Lettura in corso:

Una Forza militare europea senza l'Italia

Una Forza militare europea senza l'Italia
Dimensioni di testo Aa Aa

Nove paesi europei. Sono quelli che hanno lanciato una "forza di intervento rapida". Il progetto, sponsorizzato dalla Francia di Emmanuel Macron, con l’appoggio anche del Regno Unito, punta a realizzare entro il 2024 un continente sovrano, strategico e autonomo nel campo della difesa. Tra i firmatari anche Germania, Danimarca, Spagna, Portogallo ma non l’Italia che, dopo aver partecipato alla fase iniziale, ora con il governo Conte, e le recenti tensioni con l’Eliseo, ha deciso di restare fuori.

L’idea di fondo è quella di avvicinare gli stati maggiori dei paesi partecipanti per essere in grado in futuro di intervenire nei possibili teatri di guerra, o in situazioni in cui devono essere prese decisioni rapide come una catastrofe naturale o l’evacuazione di civili. "L'obiettivo è quello di creare un gruppo di paesi che condividano le stesse idee - ha sottolienato la ministra della Difesa tedesca Ursula von der Leyen - per collaborare insieme e cambiare la volontà politica".

Per la Francia l’esempio è nell’operazione SERVAL, quella condotta contro gli jihadisti nel nord del Mali, dal 2012 al 2014 nell’ambito di una risoluzione ONU. Sotto il profilo politico-diplomatico, Parigi aveva già dato il via alla collaborazione con altri Paesi proprio in Africa, anche con visite comuni con la cancelliera Angela Merkel e l’ex premier italiano Paolo Gentiloni tra il 2016 e il 2017.