ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

OCSE: flussi migratori in calo nel 2017

Lettura in corso:

OCSE: flussi migratori in calo nel 2017

OCSE: flussi migratori in calo nel 2017
Dimensioni di testo Aa Aa

"Per la prima volta negli ultimi 7 anni, i flussi migratori verso i Paesi dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) sono in leggera diminuzione". E' quanto emerge dal rapporto annuale sulle migrazioni, pubblicato dall'OCSE in occasione della Giornata Mondiale dei Rifugiati. Circa 5 milioni di migranti permanenti sono arrivati nel 2017, contro i 5,6 milioni dell'anno precedente.

"I Paesi OCSE attualmente ospitano circa 5,3 milioni di rifugiati, più della metà si trovano in Turchia. Ma si tratta solamente del 24% del totale di coloro che necessitano di protezione internazionale in tutto il mondo", ha spiegato il segretario generale dell'OCSE, Angel Gurria.

Le richieste d'asilo nei Paesi OCSE lo scorso anno, pari a 1,23 milioni, sono diminuite del 25% rispetto al 2016, quando ne vennero compilate 1,64 milioni. I primi tre Paesi da cui provengono i rifugiati sono l'Afghanistan, la Siria e l'Iraq e le due destinazioni privilegiate sono Stati Uniti e Germania.

Per quanto riguarda l'Italia, 119mila migranti sono arrivati via mare nel 2017, il 34% in meno rispetto al 2016. Ma se l'arrivo di stranieri in Italia subisce un calo, gli italiani che si trasferiscono all'estero aumentano. Nel 2016 in 114mila hanno dichiarato di aver stabilito la loro residenza oltreconfine, l'11% in più rispetto al 2015. Tutto ciò non considerando i cosiddetti emigranti "non dichiarati".