ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Valencia pronta a ricevere l'Aquarius (e le due navi militari italiane)

Lettura in corso:

Valencia pronta a ricevere l'Aquarius (e le due navi militari italiane)

Valencia pronta a ricevere l'Aquarius (e le due navi militari italiane)
Dimensioni di testo Aa Aa

Il porto di Valencia è pronto a ricevere l'Aquarius e le due navi militari italiane con 630 migranti a bordo, soccorsi una settimana fa davanti alle coste della Libia.

Previsto un arrivo scaglionato delle navi, che si sono divise i passeggeri.

Dalla vice Premier spagnola, intanto, Carmen Calvo, arriva la conferma che un gruppo imprecisato di migranti verrà accolto dalla Francia.

25-42 DAVID NOGUERA, Presidente MSF Spagna:

"Le persone a bordo dell'Aquarius sono diventate ostaggi delle politiche contraddittorie dei diversi Stati europei, non conformi al diritto alla vita: ciò non è accettabile, i diritti umani fondamentali delle persone devono essere in cima alla lista".

Alicia e Javier, sorella e fratello, saranno al porto per dare il benvenuto ai rifugiati.

"Siamo venuti a vedere come si stanno organizzando - dice lei - per me questa è una decisione giusta, sono totalmente d'accordo, è il minimo che possiamo fare per l'umanità".

"Non siamo informati di quando arriveranno con precisione e se rimarranno - dice invece quest'uomo, contrario allo sbarco - quali saranno le spese per Valencia e se ci sarà una spesa extra per i cittadini: forse sono brave persone, ma le differenze sociali ci sono".

Circa 2.300 le persone che prenderanno parte alle operazioni di accoglienza, tra soccorritori locali, nazionali e Organizzazioni Non Governative.

Cristina Giner, Euronews: "Al molo 1 di questo porto arriverà l'Aquarius con 100 bambini, 80 donne e 450 uomini: le autorità hanno spiegato di aver fatto alcune simulazioni di sbarco, per assicurarsi che tutto fili liscio, la priorità sarà di controllare lo stato di salute delle persone a bordo".