ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il G7 del fallimento

Lettura in corso:

Il G7 del fallimento

Il G7 del fallimento
Dimensioni di testo Aa Aa

Tutti contro Donald Trump. In prima linea la Germania di Angela Merkel. La cancelliera, ospite su una tv tedesca, ha sottolineato che la decisione del presidente americano ha distrutto la credibilità del G7, incrementando la dose sui dazi. Dal primo luglio l'Europa implementerà contromisure contro le tariffe statunitensi su acciaio e alluminio.

“Ho lavorato duramente per un compromesso, ci siamo sforzati di trovare un accordo”, ha fatto sapere la Merkle. “Alla fine è arrivata la retromarcia di Trump, via tweet, una cosa che fa riflettere.. è un po’ deprimente."

La mossa shock e senza precedenti del leader della Casa Bianca rischia di far saltare oltre 70 anni di relazioni con i Paesi alleati amici, dal Canada all'Europa passando per il Giappone. E tutto via twitter. In pratica gli Stati Uniti non hanno firmato le decisioni prese dai sette leader delle potenze industrializzate. Lo strappo tanto temuto già alla vigilia del summit alla fine si è consumato. Provocando l’ira di Italia, Francia, Germania, e del padrone di casa del vertice, il premier canadese Justin Trudeau.

Alla fine il G7 in Canada si è chiuso tra forti contrasti, con scambi di accuse tra Washigton e la comunità internazionale che, secondo la maggior parte degli analisti, si ripercuoterà sui mercati e sul commercio in generale.