ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un G7 ad alta tensione tra dazi e Iran

Lettura in corso:

Un G7 ad alta tensione tra dazi e Iran

Un G7 ad alta tensione tra dazi e Iran
Dimensioni di testo Aa Aa

Quello che si apre in Canada, a Charlevoix, tra poche ore sarà un G7 ad alta tensione.

Dopo il summit di Taormina dello scorso anno, dove era uscito un disaccordo su immigrazione e cambiamenti climatici, ora i capi di Stato e di Governo dovranno fare i conti ora con uno dei temi caldi del momento, i dazi e la politica commerciale americana.

Secondo le statistiche dell'Ue, le misure tariffarie statunitensi in materia di acciaio e alluminio hanno interessato prodotti esportati dall'Ue per un valore di circa 6,4 miliardi di euro. Per ottenere un riequilibrio del commercio, l'Unione europea ha deciso di attuare misure immediate di escalation tariffaria su prodotti statunitensi per un valore di 2,8 miliardi di euro. Il Canada, primo esportatore di acciaio negli Stati Uniti - ha annunciato piani di ritorsione con tariffe per 11 miliardi di euro sui prodotti made in USA.

Immediata la reazione del Direttore del "Consiglio economico nazionale", Larry Kudlow che avverte gli alleati di Washigton ora critici su questa decisione: “Il Presidente Trump è molto chiaro riguardo ai suoi sforzi di riforma commerciale. Tutto quello che decideremo di fare sarà per proteggere gli Stati Uniti, le sue imprese e la sua forza lavoro".

Sul tavolo ci sarà anche l’accordo sul programma nucleare iraniano. Altro nodo cruciale dopo che Trump ha deciso di uscire dall’intesa del 2015. Intanto anche il premier Giuseppe Conte affila le armi. Alla sua prima uscita internazionale ha fatto sapere che l’Italia saprà farsi conoscere e saprà anche farsi rispettare.

Tanti in temi in agenda: dalla Brexit, alla sicurezza nel mondo, dall’uguaglianza di genere alla salvaguardia del nostro pianeta. Una maratona per una due giorni davvero intensa.