ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Salvini-Soros, botta-risposta al veleno su ruolo Putin in Europa

Lettura in corso:

Salvini-Soros, botta-risposta al veleno su ruolo Putin in Europa

Salvini-Soros, botta-risposta al veleno su ruolo Putin in Europa
Dimensioni di testo Aa Aa

Botta e risposta piccato fra George Soros, finanziere di origine ungherese spesso criticato per il suo ruolo sulla svalutazione della lira che sarebbe avvenuta con manovre speculative nel 1992 (ma anche sostenitore di iniziative politiche liberali in Europa dell’est) e il neo Ministro dell'Interno italiano, Matteo Salvini. Il primo ha rilasciato diverse dichiarazioni ai media durante il festival dell'economia di Trento, esprimendo preoccupazione per il ruolo di Salvini nel nascente governo italiano e per la sua vicinanza, a detta di Soros, al capo del cremlino Vladimir Putin, alludendo a finanziamenti che il segretario della Lega avrebbe ricevuto dalla Russia. La risposta del secondo non si è fatta attendere:

"Con Putin c'è un legame di stima, ritengo abbia fatto tanto per il suo popolo e con interventi contro il terrorismo islamico - ha fatto sapere al miliardario ungherese, aggiungendo con ironia piccata che le sue opinioni per Putin sono a puro a titolo gratuito. "Non ho mai ricevuto una lira, un euro o un rublo dalla Russia; ritengo Putin uno degli uomini di Stato migliori e mi vergogno del fatto che in Italia venga invitato a parlare uno speculatore senza scrupoli come Soros", ha aggiunto.

Non solo Salvini, però: per Soros un altro spauracchio, ben maggiore, per l'Europa è rappresentato da Donald Trump, i cui consulenti - ha aggiunto - "cercano di compiacerlo consentendogli di fare qualsiasi cosa" anziche' impedirgli "di fare terribili errori".