ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'aborto anche in Irlanda

Lettura in corso:

L'aborto anche in Irlanda

L'aborto anche in Irlanda
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Irlanda ha fatto la "una rivoluzione silenziosa" auspicata dal premier liberale Leo Varadkar con oltre il 66% dei consensi.

Un risultato il cui preludio era stato il responso popolare di 3 anni fa (di nuovo oltre il 60% degli elettori) pro-nozze omosessuali; l'ascesa alla guida del governo di un gay dichiarato e militante come Varadkar; le posizioni defilate della medesima gerarchia ecclesiastica sui temi etici e, prim'ancora, la sua crisi legata agli scandali o agli insabbiamenti sui casi di pedofilia e non solo.

Ma il verdetto delle urne sull'aborto è qualcosa di più di una conferma. Sembra avere l'effetto di un terremoto. La partita si chiude con un risultato che non lascia spazio a discussioni, almeno per ora.

Una sonante abrogazione dell'articolo 8 della Costituzione: ossia del principio di equiparazione fra diritto alla vita del nascituro e della madre che finora aveva di fatto vietato le interruzioni di gravidanza, salvo rare eccezioni, costringendo le donne che intendevano abortire comunque (e potevano farlo) a viaggiare all'estero.

Si è trattato del compimento di una "rivoluzione silenziosa" iniziata 10 se non 20 anni fa e adesso il premier punta all'approvazione di una legge sull'aborto libero entro fine anno. Il testo è già pronto. Non prevede ostacoli o requisiti di sorta per mettere fine a una gravidanza nei primi tre mesi e lascia spazio anche ad aborti tardivi purché motivati.

Sul livello di permissività delle nuove norme, il fronte pro-life è pronto a riprendere la battaglia. Ma gli animi sono a terra e la delusione è palpabile. Gli accenni a un'ipotetica 'rimonta', evocata sulla base di qualche sondaggio giusto un po' più cauto dai media per 'vendere' la storia e dagli attivisti pro-choice per evitare l'unico vero rischio (sventato), quello d'una bassa affluenza, si son rivelati inconsistenti.

I numeri consolidano anzi quelli già certificati dal referendum sul matrimonio gay del 2015, con un rapporto di due terzi a un terzo fra quella parte di Paese ormai secolarizzata, al diapason col resto d'Europa, e la trincea della tradizione. Tanto che al portavoce della campagna 'Save The 8th', John McGuirk, non è rimasto che riconoscere la disfatta prim'ancora del conteggio completo.

A celebrare, fra le tante donne radunate dinanzi al castello di Dublino, è invece Orla O'Connor, regista del gruppo 'Together for Yes': "Oggi si è restituito finalmente alla donne il giusto posto nella società irlandese", dice. E arriva pure il grazie della famiglia di Savita Halappanavar, giovane d'origine indiana morta nel 2012 a Galway, per una setticemia seguita a un aborto spontaneo dopo che le era stata negata l'interruzione di gravidanza, ed eletta a simbolo della mobilitazione per il sì. Dall'estero piovono intanto le congratulazioni di esponenti politici stranieri e celebrities (dall'Italia, fra i primi, Laura Boldrini).

Mentre riparte il dibattito in Irlanda del Nord, dove a opporsi all'aborto sono i protestanti della destra unionista al potere a Belfast e dove il divieto resta per ora sostanziale. Salvo il fatto che le donne nordirlandesi, in quanto suddite britanniche, possono provvedere altrove nel Regno facendosi poi rimborsare dal sistema sanitario nazionale.(ANSA)