ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Silvio Berlusconi libero di candidarsi

Lettura in corso:

Silvio Berlusconi libero di candidarsi

Dimensioni di testo Aa Aa

Silvio Berlusconi ha ottenuto dal tribunale di Sorveglianza di Milano la "riabilitazione" e pertanto è di nuovo candidabile.

La notizia della decisione è stata data dal Corriere della Sera e confermata dal suo avvocato Niccolò Ghedini. La riabilitazione cancella di fatto gli effetti della condanna del 2013 nell'ambito del processo sui diritti Mediaset, che aveva fatto scattare l'incandidabilità della legge Severino.

Il procuratore generale di Milano Roberto Alfonso ha detto ai giornalisti che la procura dovrà leggere le motivazioni dell'ordinanza con cui è stata concessa la riabilitazione prima di decidere se fare opposizione. Il provvedimento non è ancora stato trasmesso alla segreteria della procura generale. "Leggeremo e valuteremo", ha detto Alfonso. Ci sono 15 giorni di tempo.

LE REAZIONI

  • "Assolutamente no", ha risposto di Luigi Di Maio ai giornalisti che gli hanno chiesto se la riabilitazione di Silvio Berlusconi cambierà la trattativa tra il Movimento e la Lega per la formazione del nuovo esecutivo. "La trattativa sul contratto di governo va avanti perché l'obiettivo è di portare i migliori risultati per i cittadini. Prendiamo atto di questa notizia ma la mia considerazione non cambia", ha spiegato Di Maio.

  • "In generale le sentenze si rispettano, per quel che ci riguarda la battaglia, la sfida con Berlusconi è sempre stata sul terreno politico", commenta il segretario reggente del Pd Maurizio Martina. "Qui il punto è stato, ed è, battere quella proposta sul piano politico. Quindi quello che sta accadendo in queste ore lo si assume come ogni sentenza e per noi il terreno è quello della sfida politica, come sempre".

  • "Berlusconi che torna candidabile è una buona notizia per lui, e ne sono davvero felice, e soprattutto per la democrazia", è il commento del leader della Lega Matteo Salvini.

  • "La riabilitazione di Silvio Berlusconi è un atto di giustizia che restituisce piena rappresentanza a milioni di elettori. Al presidente di FI le mie più sentite felicitazioni e quelle di Fratelli d'Italia", fa sapere la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

  • "La notizia del provvedimento del Tribunale di Milano, che riabilita il presidente Berlusconi, non può che essere accolta con gioia e soddisfazione. Si conclude dopo cinque anni un calvario giudiziario, politico e umano che ha impedito al leader del centrodestra di essere in campo in prima persona", ha dichiarato Annamaria Bernini, capogruppo di Forza Italia al Senato. "Quella del 2013 fu una sentenza ingiusta, a cui segui l'ignobile e vergognosa defenestrazione di Berlusconi dal Senato, eseguita con modalità uniche e irripetibili, in aperta violazione dei regolamenti e del buonsenso. Una macchia indelebile che ha condizionato il corso della vita politica e della democrazia italiana, privando il centrodestra e milioni di elettori del loro leader indiscusso. In questo giorno lieto siamo vicini al presidente Berlusconi e tutti i suoi senatori gli esprimono la loro felicità nella certezza che sarà almeno in parte ripagato da tanta sofferenza e amarezza".

LE TRATTATIVE PER IL NUOVO GOVERNO

Proseguono con un sabato pomeriggio di vertice tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini al Pirellone di Milano. Fuori dal palazzo qualcuno ha anche protestato "Reddito per tutti, razzismo per nessuno", si legge in uno striscione. I manifestanti espongono anche le sagome di Matteo Salvini, Luigi Di Maio e Silvio Berlusconi, con gli ultimi due che compongono le facce di uno stesso cartello: "La doppia faccia della casta".

L'intesa per un governo giallo-verde intanto prende corpo sempre di più: c'è una bozza di programma in 19 punti e diverse indiscrezioni sui ministri. Resta da sciogliere il nodo per primo ministro. Previsti altri vertici domenica a lunedì sempre a Milano.

Il segretario reggente del PD commenta così su twitter l'intesa M5s-Lega sulla flat tax