ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scontro Iran-Israele, Netanyahu: "Iran ha superato la linea rossa"

Lettura in corso:

Scontro Iran-Israele, Netanyahu: "Iran ha superato la linea rossa"

Dimensioni di testo Aa Aa

Le forze siriane hanno diffuso le immagini che mostrano il momento in cui l'esercito israeliano nella giornata di giovedì ha colpito in Siria obiettivi militari iraniani con una sessantina di missili.

Per Israele si tratta della risposta ad un attacco da parte delle forze iraniane in Siria nelle alture del Golan, territorio occupato da Israele nella guerra dei 6 giorni, ma rivendicato dalla Siria.

Il ministro della Difesa israeliano nel dare l'annuncio ha riferito che l'attacco ha distrutto quasi tutte le infrastrutture iraniane in Siria, e si augura ha detto che "il messaggio sia passato". Tra le strutture abbattute cinque batterie anti-aeree siriane e depositi di armi e munizioni.

Netanyahu ha detto: "l'Iran ha superato la linea rossa. Abbiamo risposto di conseguenza".

Israele ha giustificato l'intervento parlando di risposta all'attacco da parte dei pasdaran iraniani dalla Siria in Golan.

Il botta e risposta tra i due paesi, preoccupa non solo la Russia ma anche l'Europa la Germania e la Francia in particolare dopo che a peggiorare il quadro è stata la decisione di Trump di ritirare gli Stati Uniti dall'accordo sul nucleare.

La Casa Bianca è intervenuta appoggiando il diritto a difendersi di Israele, sulla stessa linea dalla gran bretagna è intervenuta Theresa May.

Sarebbero 23 le vittime del raid isareliano, secondo l'Osservatorio dei diritti umani. Nessun commento ancora da Tehran se l'attacco di giovedì fosse confermato, si tratta del primo raid iraniano contro Israele. Forse una ritorisione per il bombardamento dello scorso 9 aprile contro una base area siriana in cui sono morti sette iraniani.

Mike Pompeo, il neo Segretario di Stato Usa di ritorno dalla Corea del Nord proverà a convicere gli alleati europei che è importante ricondurre l'Iran al tavolo dei negoziati, nella speranza che a fare da deterrente sia la possibilità che gli Stati Uniti reimpongano sanzioni economiche.

Da parte di Germania e Russia i ministri degli Esteri hanno auspicato che l'accordo con l'Iran venga mantenuto.