ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Yuja Wang suona Rachmaninov: "La musica più sensuale e appassionata che esista"

Lettura in corso:

Yuja Wang suona Rachmaninov: "La musica più sensuale e appassionata che esista"

Dimensioni di testo Aa Aa

Yuja Wang è un'ex bambina prodigio. Ha cominciato a suonare il piano a sei anni, e un anno dopo teneva il suo primo concerto. Oggi trentunenne, la musicista cinese è una delle pianiste più apprezzate del nostro tempo.

Nella sala da concerto De Doelen ha incantato il pubblico eseguendo con l' Orchestra Filarmonica di Rotterdam il Concerto per pianoforte e orchestra numero 4 di Rachmaninov. Un'opera che il compositore russo ha rielaborato più volte.

Potenza e sogno

"Sentite che musica! - esclama entusiasta Yuja Wang. - È la più sensuale e appassionata che esista. Non so da dove l'abbia presa. Ogni volta che suono la sua musica vado in estasi... È un dono!"

Un'estasi anche per il direttore principale dell'orchestra di Rotterdam, Yannick Nézet-Séguin: "Colpisce che ci sia sì della potenza, ma anche molti momenti di sogno, in cui sembra che tutto si perda nell'atmosfera, comme lucciole, come qualcosa che si accende e poi - puf! - in un attimo è già spento. È un concerto che per me è un segreto".

Il mosaico di una vita e di un'opera

"Il secondo movimento comincia come un'introduzione", spiega l'artista facendo una dimostrazione al piano, e continua: "È come trovarsi in un Jazz club a New York... anzi a Los Angeles! Ci sono suggerimenti e citazioni da tutti i suoi altri pezzi. Questo - dice continuando a suonare - è il concerto numero 2... Per cui davvero, è come una cipolla. Uno strato dopo l'altro si scopre dove l'autore stia arrivando a un'età avanzata".

Frammenti della sua intera opera e delle diverse tappe della sua vita. Subito prima della Rivoluzione d'Ottobre, Rachmaninov fuggì nell'Europa occidentale e più tardi si stabilì negli Stati Uniti.

Anche Yuja ha lasciato la sua terra d'origine, ma per inseguire l'arte. A 14 anni già viveva negli Stati Uniti.

"Ho visitato la casa di Rachmaninov in Svizzera - racconta -. È stato esaltante. Ho potuto toccare il suo piano, c'erano tutte le foto e tutto il resto. È da lì che traeva la sua ispirazione. Se n'è dovuto andare durante la seconda guerra mondiale. E ha composto tutti questi pezzi in America. Non è mai tornato indietro, e probabilmente lo sapeva quando è partito. Per cui c'è questa sensazione 'non si sa mai che cosa accadrà nella vita'..."

Un'energia che viene dalla musica

"Yuja è piena di energia - sorride Nézet-Séguin. - Un'energia che viene dalla musica, penso. Quando sei musicista, vuoi fare musica, mangiarla e berla a tutte le ore. Non è una professione, è una vocazione".

Altro da musica