ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vertice tra Coree: le reazioni dai leader del mondo

Lettura in corso:

Vertice tra Coree: le reazioni dai leader del mondo

Vertice tra Coree: le reazioni dai leader del mondo
© Copyright :
REUTERS
Dimensioni di testo Aa Aa

Un cauto ottimismo planetario ha contraddistinto lo svolgimento dello storico vertice inter-coreano.

Accogliendo con favore le notizie provenienti dall'incontro, i leader mondiali hanno sollecitato progressi verso la denuclearizzazione.

Donald J. Trump, Presidente USA, dice:

"All'inizio, le persone dicevano che era impossibile, che c'erano due alternative, mantenere le proprie posizioni o andare in guerra: ora abbiamo un'alternativa migliore di quanto chiunque abbia pensato fosse possibile".

Il Primo Ministro giapponese, Shinzo Abe, confida "fortemente" nell'adozione di misure concrete da parte di Pyongyang.

Shinzo Abe, Premier Giappone, dice:

"Spero che la Corea del Nord intraprenda azioni concrete dopo il vertice inter-coreano e quello prossimo tra Trump e Kim Jong-un: spero che Giappone, Stati Uniti e Corea del Sud risolveranno in modo positivo e completo le questioni nucleari e missilistiche inerenti la Corea del Nord, oltre che la questione dei giapponesi rapiti e portati a Pyongyang".

Anche Mosca accoglie con favore ogni iniziativa che allenti le tensioni asiatiche.

Alexey Zaytsev, portavoce Ministero Esteri Russia, dice:

"L'incontro conferma l'intenzione delle parti di intensificare il processo politico e diplomatico per risolvere le questioni sulla penisola coreana, compresa la questione nucleare: continueremo, assieme ai Paesi coinvolti, a compiere sforzi in questa direzione per l'accordo coreano, sulla falsariga della strategia russo-cinese".

Dal canto proprio, la NATO dà pieno appoggio al piano di pace.

Jens Stoltenberg, Segretario generale NATO, dice:

"La NATO appoggia pienamente una soluzione politica relativa alle tensioni tra le Coree, ho avuto modo di constatare personalmente quanto siano profonde quando ho visitato di recente la Corea del Sud e la zona demilitarizzata".

Anche il Ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, accoglie con favore i progressi, ribadendo il concetto che la Corea del Nord deve onorare i propri impegni e compiere passi concreti per la denuclearizzazione.

Il primo incontro non si scorda mai.

E quando KIm ha superato il gradino che delimita il confine è diventato il primo leader della Corea del Nord ad entrare in Corea del Sud dal lontano 1953.

Un altro momento storico: un leader nordcoreano entra in Corea del Sud, 65 anni dopo.

L'ultimo incontro tra le due Coree avvenne nell'ottobre del 2007, a Pyongyang, capitale della Corea del Nord.

Simbolica l'immagine dei due leader, Kim e Moon, che si prendono per mano. Un'immagine, immortalata dai fotografi, che rimarrà nei libri di storia.

Kim Jung-un e Moon Jae-in mano nella mano.

Reuters
"Una nuova storia comincia adesso". Firmato Kim Jong-unReuters