ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, l'Arabia Saudita "disponibile a inviare truppe sul campo".

Lettura in corso:

Siria, l'Arabia Saudita "disponibile a inviare truppe sul campo".

Siria, l'Arabia Saudita "disponibile a inviare truppe sul campo".
Dimensioni di testo Aa Aa

Nonostante i raid missilistici e i contestuali tira e molla col presidente francese Macron, che appena qualche giorno fa dichiarava di averlo convinto a trattenere le truppe, Donald Trump non ha abbandonato l'idea di un disimpegno americano dal teatro siriano.

L'idea del presidente, al momento, è quella di istituire una compagine militare araba - con truppe provenienti da Qatar, Egitto, Emirati e Arabia Saudita - che possa sostituire il suo contingente attualmente dispiegato nel nord della Siria.

Un primo "si" Trump lo avrebbe già ricevuto dai sauditi, che secondo il Ministro degli affari esteri del Regno sarebbero interessati ad essere della partita. "Riguardo a quanto sta avvenendo - ha dichiarato il Ministro Adel al-Jubairi - ci sono in effetti discussioni su che tipo di forze armate è bene rimangano nella Siria nell'est, e quale dovrebbe essere la loro provenienza. Anche dal punto di vista economico - ha poi sottolineato - il nostro paeese ha sempre fatto la sua parte, fin dalla guerra del Golfo nei primi anni 90, quando partecipammo a pieno titolo alla liberazione del Kuwait".

E in effetti quella economica non sarà una questione da poco. Oltre all'Arabia Saudita, restano da convincere gli altri 3 partner, a cominciare dall'Egitto, il cui capo intelligence Abbas Kameel ha di recente avviato contatti telefonici col nuovo consigliere alla sicurezza di Trump, John Bolton.

Restano da conoscere i tempi del ritiro dei 2mila soldati statunitensi, oltre al destino dei loro alleati, primi tra tutti i curdi finiti nel mirino della Turchia