ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: rischi di escalation se gli Usa intervengono

Lettura in corso:

Siria: rischi di escalation se gli Usa intervengono

Siria: rischi di escalation se gli Usa intervengono
Dimensioni di testo Aa Aa

La "linea rossa" di Barack Obama è diventata la linea rossa di Donald Trump. Come il suo predecessore nel 2013, anche oggi il presidente degli Stati Uniti minaccia azioni militari contro la Siria dopo il presunto attacco all'arma chimica su Duma. Obama poi non intervenne. Trump sembra deciso ad andare avanti.

Per Fabrice Pothier di Rasmussen Global stavolta "Deve succedere, perché è chiaro che il fatto che non sia successo nel 2013 ha provocato una serie di eventi in cui il regime di Assad ha continuato a usare armi chimiche contro la popolazione. Quindi penso sia abbastanza chiaro per Washington e Parigi che ora bisogna in qualche modo tracciare quella spessa linea rossa".

L'amministrazione Trump e il Pentagono devono però tenere conto delle conseguenze di qualunque azione decidano di intraprendere, commenta Joost Hiltermann dell'International Crisis Group: "Se gli americani colpiscono l'esercito siriano, e solo l'esercito siriano, penso che il regime potrebbe vendicarsi colpendo civili in zone sotto il controllo dei ribelli in Siria. E questo sarebbe terribile per i civili ma il conflitto rimarrebbe contenuto. Se però i russi si arrabbiano davvero per gli obiettivi colpiti, e magari vengono colpite anche truppe o aerei russi, e lo stesso vale per gli iraniani, in quel caso potremmo assistere a un'escalation non solo in Siria ma anche altrove nella regione".

"Qui a Bruxelles - conclude il nostro corrispondente Damon Embling - la Commissione europea ha rilasciato una dichiarazione di condanna, dopo quel che si dice sia successo a Duma. Non ci sono per ora commenti sulla successiva minaccia militare, ma una fonte qui mi ha detto che stanno monitorando da vicino la situazione sulla Siria, che dovrebbe essere discussa in una riunione del Consiglio affari esteri lunedì".