ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Yulia Skripal telefona dall'ospedale

Lettura in corso:

Yulia Skripal telefona dall'ospedale

Yulia Skripal telefona dall'ospedale
Dimensioni di testo Aa Aa

"Va tutto bene, stiamo migliorando e siamo vivi". A dirlo è Yulia Skripal, figlia dell'ex spia russa Sergej, avvelenata insieme al padre con un agente nervino a Salisbury, lo scorso 4 marzo. La donna è uscita dal coma e ha telefonato, dall'ospedale di Londra in cui è ricoverata, alla cugina Victoria, che abita in Russia. Durante la chiamata Yulia ha rassicurato la cugina anche sulle attuali condizioni del padre: "Lui sta bene e ora dorme. Nessuno di noi soffre di qualcosa di irreversibile e ci dimeteranno presto". La telefonata è stata trasmessa dal programma "60 minuti", del canale di stato russo Rossya-1. Il presentatore ha però sottolineato che la trasmissione non poteva garantire con certezza la vericidità della registrazione.

A confermare la telefonata è stata in seguito la stessa Victoria, che si è detta sorpresa di ricevere la chiamata della cugina il giorno dopo essersi lamentata pubblicamente di non poter entrare in contatto con i due parenti.

Nei giorni scorsi il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, aveva accusato gli inglesi di essere gli ideatori dell'attentato all'ex spia, in modo da sviare l'attenzione dei cittadini dalla Brexit.

Così l'ambasciatore russo a Londra: "Sono contento che Sergej Skripal stia meglio. Sono certo che un giorno Yulia tornerà a Mosca dove ha un lavoro e degli affetti. Sapete, è una persona molto sana e sta migliorando".

La Russia vorrebbe che alle indagini sull’avvelenamento dell’ex spia russa Sergey Skripal partecipassero anche l'India e la Cina, oltre ai paesi NATO e UE.