ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A tu per tu con Jorge Alva, il fotografo che ama la simmetria

Lettura in corso:

A tu per tu con Jorge Alva, il fotografo che ama la simmetria

© Copyright :
© Copyright : Jorge Alva (@urbanentdecker_)
Dimensioni di testo Aa Aa

Una passione per le linee, le forme e le simmetrie che si riflette, potente, nei suoi scatti. Parliamo di Jorge Alva (@urbanentdecker_), il primo fotografo di cui trattiamo nella nuova rubrica European Lens.

Abbiamo pubblicato alcune delle sue foto più belle sul nostro account Instagram, @euronews.tv dove hanno fatto il pieno di like e commenti.

Alva si è trasferito da El Salvador a Berlino nel 2014 e da allora strizza l'occhio, nei suoi lavori, all'architettura e all'urbanistica. La sua attenzione per i dettagli gli consente di scoprire modelli e simmetrie ovunque vada: dalle stazioni della metropolitana ai centri urbani affollati. Il suo portfolio è allo stesso tempo futuristico e surreale.

Euronews ha parlato con lui dei suoi esordi nel mondo della fotografia, del suo stile, degli attrezzi del mestiere di cui non può fare a meno e dei soggetti che non ama, invece, riprendere.

Come è iniziato il tuo viaggio nel mondo della fotografia?

Mi sono appassionato dopo il mio trasferimento a Berlino, anche se è un mondo che ho imparato a conoscere grazie a mio fratello, anch'egli fotografo. Pochi mesi dopo il mio arrivo, ho iniziato a documentare tutto ciò che mi circondava con il mio telefono. A quel tempo dovevo decidere cosa studiare all'università e la fotografia era l'unica cosa che avevo in mente. Ora è questo che faccio, a tempo pieno: studio e fotografo per guadagnarmi da vivere.

Cosa non può mancare nella tua borsa di viaggio? Quale fotocamera usi?

Un treppiede, un set di batterie extra, il mio laptop, un disco rigido esterno e il mio Nintendo switch per divertirmi durante i viaggi.

Utilizzo una Canon 5D Mark IV e una Canon 5DSR, i miei obiettivi sono il Canon EF 11-24mm f/4 L, il Canon EF 35mm f/1.4 L II e il Canon EF 70-200 f/4 L USM.

Cosa avresti voluto sapere quando hai iniziato a scattare foto?

Fai ciò che puoi con ciò che hai a disposizione.

Come descriveresti il tuo stile di fotografia?

Mi ispiro alle città, alle sue persone, ai suoi colori, alle arti visive, al cinema e all'architettura. Il mio obiettivo principale è quello di creare fotografie interessanti utilizzando l'ambiente che mi circonda. Cerco di vedere le cose con un occhio cinematografico - per creare scene o nuovi mondi all'interno di quello in cui viviamo tutti. Mi piace combinare questa visione con l'emozione e questo porta alla creazione di fotografie accattivanti. In questo senso, il lavoro che creo è davvero un riflesso di quello che sono.

Qual è il tuo luogo preferito? Cosa ti piace fotografare di più?

Architettura, paesaggi, spazi urbani, natura e persone. Non mi piace però inquadrarmi in un genere. Mi piace fotografare qualsiasi cosa mi attiri l'attenzione o mi racconti una storia.

Se dovessi dire una location europea...

Direi Superkilen Park a Copenhagen per la sua forza visiva, ma anche per le storie che il progetto racconta - il rapporto con il contesto, lo spazio, le comunità ma anche la sua estetica - ne fanno la mia location preferita per le riprese.

Qual è la foto più memorabile che hai mai scattato?

Una foto scattata a Errolson Hugh (@erlsn.acr), fondatore di ACRONYM per la copertina di una rivista polacca. Perché è stata la mia prima copertina ma anche perché Errolson è una persona a cui mi ispiro per quanto riguarda l'etica del lavoro e per quello che ha già fatto. Le riprese con lui sono state un momento memorabile della mia carriera.

C'è qualcosa che non fotograferesti mai?

Non mi piace limitarmi, quindi non credo che ci sia qualcosa che non vorrei mai fotografare. Mi ispiro a tutto. Credo che questo sia l'unico modo in cui sono riuscito a migliorare, ad essere così aperto a nuove ispirazioni.

Segui il lavoro di Alva - e quello di altri fotografi di European Lens - tramite l'account Instagram di Euronews @euronews.tv

Altro da European Lens