ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rivoluzione rifiuti: le mille vite dell'alluminio

Lettura in corso:

Rivoluzione rifiuti: le mille vite dell'alluminio

Rivoluzione rifiuti: le mille vite dell'alluminio
Dimensioni di testo Aa Aa

Riciclare in modo efficiente e sostenibile i rifiuti che derivano dalla produzione primaria di alluminio

Siamo all'interno di un impianto metallurgico sperimentale, dove attualmente si studia come riciclare il cosiddetto" fango rosso " ovvero i rifiuti generati dalla produzione industriale dell'alluminio. Per capire i modi più efficienti e sostenibili di riciclo, i ricercatori, del progetto europeo "RedMud", hanno bisogno di questa fornace che raggiungere i 1400° C.

In questa struttura, gli scarti della produzione primaria di alluminio vengono miscelati con carbone e quindi fusi a temperature molto elevate. Risultato: una miscela che può essere riutilizzata nell'industria dell'acciaio. "Naturalmente siamo interessati al valore dei metalli. In primo luogo, c'è alluminio, ma anche ferro, scandio, come metallo ad alta tecnologia, il titanio e molti altri che sono minerali rari provenienti da alcuni zone.”, ci spiega Bernd Friedrich un ricercatore dell’Istituto IME.

Ogni anno vengono prodotti circa 150 milioni di tonnellate di fango rosso in tutto il mondo; meno del 2% viene tuttavia attualmente riutilizzato. L'approccio termico aiuta a trasformare il “fango rosso” in una miscela il cui contenuto è molto ricco di ferro. E qui inizia la vera sfida. "Per recuperare il ferro, dobbiamo usare temperature molto alte, quindi il metallo si scioglie. Dobbiamo allora lavorare con i rifiuti attraverso diversi stadi, asciutto, caldo, acido, alcalino ... La nostra ricerca mira a scovare soluzioni ottimali per trovare il giusto modo giusto per riciclare il fango rosso", prosegue il Dott. Friedrich.

Una ricerca a livello europeo

Ci sono molti metodi per riciclare tutti questi rifiuti, alcuni davvero particolari. Qui in Belgio, il fango rosso è riscaldato a temperature più basse, intorno ai 1300 ° C. Gli scienziati di un progetto di ricerca europeo hanno in mente alcune idee. "In questa fornace da laboratorio sciogliamo i rifiuti metallici: una volta che questi si sono sciolti, li raffreddiamo nel secchio. Il prodotto finale che otteniamo è simile al vetro e potrebbe essere utilizzato, ad esempio, come sostanza reattiva per la costruzione di materiale da costruzione,” ci fa notare Tobias Hertel,esperto di Mineralogia presso l’Università Cattolica di Leuven.

Il materiale viene prima analizzato attentamente per determinarne in modo accurato la composizione interna. Secondo la Dott.essa Malflict, dell’Università Cattolica di Leuven, possiamo avere una quantificazione esatta di quali elementi ci sono all’interno, e anche la concentrazione. “Possiamo arrivare a concentrazioni molto basse di elementi come silicio, alluminio, calcio, sodio, ossigeno."

Il vetro di fango rosso viene messo a terra e mescolato con sabbia e grafite per produrre materiali come mattoni, aggregati leggeri, coperture in mattoni o piastrelle per pavimenti. "Per noi è importante ridurre al minimo la produzione globale di anidride carbonica, e non solo; abbiamo anche a cuore l'impatto ambientale globale. In pratica, questi prodotti sono più ecologici, nel senso che abbiamo usato solo residui; vogliamo lavorarli senza compromettere le proprietà, sia meccaniche che fisiche", dichiara il Professor Ioannis Pontikis, dell’Università di Leuven.

Obiettivo dei ricercatori: moltiplicare la quantità di fango rosso riciclato nel prossimo decennio.

Altro da futuris