ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dopo l'incendio, la rabbia. Kemerovo in piazza

Lettura in corso:

Dopo l'incendio, la rabbia. Kemerovo in piazza

Dopo l'incendio, la rabbia. Kemerovo in piazza
© Copyright :
Foto: REUTERS/Marina Lisova
Dimensioni di testo Aa Aa

In piazza la rabbia di cittadini e familiari delle vittime: "Ci stanno mentendo"

Proprio mentre Putin visita i sopravvissuti e si rende sui luoghi della tragedia, Kemerovo scende in piazza inferocita, per chiedere giustizia e verità. In centinaia hanno gridato la loro rabbia davanti alla sede dell'amministrazione regionale della città siberiana, lunedì teatro dell'incendio che ha fatto strage di bambini in un centro commerciale. Dal palco ha provato a prendere la parola il sindaco di Kemerovo, ma è stato a più riprese zittito da assordanti salve di fischi. Benzina sul fuoco dell'indignazione, le falle riscontrate nel sistema anti-incendio e nella gestione dei soccorsi.

Foto: REUTERS/Marina Lisova
La folla in piazza a KemerovoFoto: REUTERS/Marina Lisova

"Dicono di averne salvati 200, ma io ho perso tutta la famiglia"

Molti manifestanti esibiscono le fotografie incorniciate dei cari che hanno perso nelle fiamme. C'è chi ha quelle di un figlio, della moglie, dell'intera famiglia. "Hanno detto di averne tirati fuori 200 - si indigna un uomo, che nelle fiamme ha perso due figli -. Ma chi sono questi 200? Al terzo e al quarto piano, decine di persone sono morte soffocate".

Foto: REUTERS/Vasily Fedosenko

La denuncia della piazza: "Gestione irresponsabile e menzogne sui numeri"

"Molti bambini hanno perso la vita - dice un'altra residente -. E questo per l'irresponsabilità di chi ha gestito l'emergenza. Io passavo lì davanti proprio nelle fasi iniziali dell'incendio e non avrei mai immaginato che avrebbe assunto queste proporzioni. A scioccarmi è però soprattutto il fatto che ci stiano nascondendo la verità". Mentre gli investigatori già parlano di vie di fuga bloccate e allarmi fuori uso, sospetto di molti è che le autorità mentano sui numeri, nascondendo al bilancio ancora decine di dispersi che mancherebbero all'appello.