ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Addio a Linda, che aprì le porte ai neri d'America

Lettura in corso:

Addio a Linda, che aprì le porte ai neri d'America

Addio a Linda, che aprì le porte ai neri d'America
Dimensioni di testo Aa Aa

Quella porta chiusa a scuola, che aprì quella all'integrazione

La chiusura, per lei, di una scuola riservata ai soli bianchi, aprì le porte alla fine della segregazione razziale negli Stati Uniti. Simbolo di una vittoria chiave nelle lotte per i diritti civili degli afroamericani, Linda Brown è morta a 76 anni. A iscriverne il nome nella storia, la sentenza della giustizia USA che nel 1954 diede ragione alla battaglia del padre, opposto alla sua esclusione da una scuola, quando era ancora bambina.

Linda Brown davanti alla Sumner School, che nel 1950 le rifiutò l'iscrizione

La battaglia di un padre, che finì per cambiare gli Stati Uniti

La storia inizia a Topeka, Kansas, nel 1950. Linda non ha neanche 10 anni e suo padre Oliver Brown vuole iscriverla a una scuola nelle vicinanze della loro abitazione. La Sumner School rifiuta però la sua domanda, in quanto le iscrizioni sono riservate ai soli bianchi. Lei è quindi costretta a ripiegare su un altro istituto, ma papà Oliver non demorde. Spalleggiato dalla NAACP (National Association for Advancement of Coloured People), associazione per la promozione dei diritti delle persone di colore, porta il caso in tribunale, contestando la legge del Kansas, che autorizzava le città con più di 15.000 abitanti a istituire scuole separate per bianchi e afroamericani.

Il caso di Linda diventa quello di molti: Topeka si organizza contro la segregazione

Per dar peso al suo caso, al padre di Linda viene consigliato quindi di coordinarsi con altre famiglie afroamericane. A tutte - racconta sua sorella Cheryl Brown Henderson al canale History Now - per raccogliere elementi e dettagli, viene consigliato di recarsi con un testimone in una scuola per soli bianchi tentare un'iscrizione. È così, che il dossier di Linda si arricchisce a quello di altre 13 famiglie.

"Brown v. Board of Education": quella sentenza che cambiò la Storia

A fare storia è la sentenza sul caso "Brown v. Board of Education" che il 17 maggio 1954 promuove Linda a simbolo delle battaglie per l'integrazione degli afroamericani e scrive una pagina cruciale nella storia degli Stati Uniti. La Corte Suprema stabilisce all'unanimità che la segregazione scolastica è contraria alla Costituzione e spiana così la strada a un processo che presto travalicherà i confini di Topeka.