ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia, estradizione negata per gli 8 presunti golpisti turchi

Lettura in corso:

Grecia, estradizione negata per gli 8 presunti golpisti turchi

Grecia, estradizione negata per gli 8 presunti golpisti turchi
© Copyright :
REUTERS/Costas Baltas
Dimensioni di testo Aa Aa

La giustizia greca ha negato per la terza volta l'estradizionedegli 8 soldati turchi che si erano rifugiati nel paese dopo il fallito golpe militare del 15 luglio 2016.

Durante l'udienza, avvenuta nella Corte d'appello di ATENE, il pubblico ministero Evgenia Kyvelou ha sottolineato come la Corte suprema Greca avesse già stabilito - nell'esame della prima richiesta d'estradizione - che gli 8 uomini non dovessero essere rimandati in Turchia, per il rischio che fosse negato loro un processo equo e che fossero sottoposti a trattamenti inumani. Kyvelou ha inoltre definito inconsistenti gli ele menti fornite dalla turchia per provare il loro coinvolgimento.

Una decisione che ha fatto infuriare il governo turco, e che è probabilmente destinata a rintuzzare ulteriormente le tensioni che da decenni si trascinano tra i due paesi. Appena qualche giorno fa, un tribunale greco aveva respinto un'altra richiesta di estradizione proveniente da Ankara, che chiedeva il rientro in patria di Halaz Secer, una 21enne che secondo le autorità turche sarebbe parte del Fronte rivoluzionario di liberazione popolare (DHKP-C), organizzazione di estrema sinistra inserita nell'elenco delle sigle terroriste da Turchia, USA e Unione europea. Per convincere la giustizia e l'opinione pubblica greca delle tesi accusatorie, stavolta, alcuni media vicini al governo turco avevano pubblicato, subito prima dell'udientza, un video che ritraeva i militari nella notte del golpe, appena qualche istante prima che lasciassero il paese con un elicottero dell'esercito.

LEGGI ANCHE:

  1. Restano ancora in Grecia gli otto che hanno fatto defezione dopo il golpe in Turchia

  2. Il portavoce del governo greco: "I soldati turchi non torneranno in Turchia"

  3. Grecia, negata l'estradizione di una giovane militante turca

  4. Turchia, dopo il golpe alba tumultuosa