ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ex spia russa: Salisbury cerca di ritrovare la normalità

Lettura in corso:

Ex spia russa: Salisbury cerca di ritrovare la normalità

Ex spia russa: Salisbury cerca di ritrovare la normalità
Dimensioni di testo Aa Aa

Salisbury cerca di ritrovare la normalità

Salisbury la cittadina inglese teatro la settimana scorsa dell'avvelenamento dell'ex agente segreto russo Sergey Skripal stenta a ritrovare la sua normalità. Malgrado i mercati rionali di sabato e domenica.

Le condizioni di Sergey Skripal e della figlia Youlia restano gravi ma stazionarie stando a fonti del ministero dell'Interno.

Intanto le indagini proseguono, sono oltre 200 i testimoni identificati dalla polizia, che sta esaminando oltre 240 prove.

Al caso, come ha commentato la stessa ministra dell'Interno, Amber Rudd, stanno lavorando oltre 250 agenti dell'antiterrorismo, ma è ancora presto per dire chi ci sia dietro l'avvelenamento.

Anche l'agente Nick Bailey, il primo a prestare soccorso a Skripal rimane in grave condizioni ma è cosciente e interagisce con la famiglia.

Rinforzi militari, giunti a Salisbury 180 Royal marines e esperti chimici

Un centinaio di militari britannici sono stati schierati a Salisbury, teatro dell'attentato con un agente nervino contro l'ex spia russa Serghei Skripal e sua figlia Yulia, per aiutare la polizia nelle indagini e garantire l'ordine pubblico. Presenti anche personale addestrato per la guerra chimica e per le operazioni di decontaminazione.

In città, nei giorni scorso era giunta anche Amber Rudd, ministra dell'Interno, con un appello ai cittadini affinchè non intralcino le operazioni delle forze di polizia.

"Capisco la curiosità della gente che su questo genere di questioni si attende delle risposte. Verrà il momento in cui le avranno, ma il modo migliore perché questo accada è di dare alla polizia il tempo necessario per ispezionare attentamente l'area e compiere le loro investigazioni, essendo sicuri di poter contare sul supporto di cui hanno bisogno".

Isolate tombe dove sono sepolti moglie e figlio di Skripal

Isolati tutti i luoghi che l'uomo e la figlia avrebbero potuto frequentare e dove verosimimente sarebbero venuti a contatto con la l'agente nervino, tra gli altri anche il cimitero, dove sono sepolti la moglie di Skripal, morta nel 2012, e il figlio, 43 anni, morto la scorsa estate.

Appello a tutti i testimoni

Scotland Yard ha chiesto la collaborazione di tchiunque avesse visto o sentito qualcosa utile alle indagini; Scotland Yard ha chiesto di contattare la polizia a chiunque fosse stato alla pizzeria Zizzi e al centro commerciale di Salisbury.

La reazione russa

Infine, il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov ha definito "propaganda pura" e "isteria" le reazioni britanniche legate al caso. "Per ora non abbiamo visto una singola prova, solo servizi in tv di giornalisti che dicono, con aria seria, che ci saranno gravi conseguenze se si tratta della Russia: non è un modo di fare serio", ha detto Lavrov.

"Se l'aiuto della Russia è richiesto nelle indagini, prenderemo in considerazione questa possibilità", ha aggiunto Lavrov sottolineando come parallelismo tra il caso Skripal e il caso Litvinenko siano "inappropriati".