ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Jan Kuciak è il sesto giornalista ucciso in Europa dall'inizio 2017

Lettura in corso:

Jan Kuciak è il sesto giornalista ucciso in Europa dall'inizio 2017

Jan Kuciak è il sesto giornalista ucciso in Europa dall'inizio 2017
© Copyright :
REUTERS
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono 80 i giornalisti uccisi nel solo 2017, 5 dei quali in Europa. Nel 2016 il numero è stato di 93, di cui 12 in Europa.

Alla lista purtroppo si è aggiunto anche Ján Kuciak, reporter investigativo slovacco assassinato nel weekend a colpi di pistola nella sua casa insieme alla fidanzata, Martina Kušnírová.

A questo link è possibile trovare la lista dei professionisti della notizia uccisi l'anno scorso: spiccano i 12 morti in Messico, 11 in Afghanistan, 10 in Siria e 6 in India.

REUTERS/Radovan Stoklasa

Ján Kuciak, 27 anni, stava indagando su presunte frodi fiscali che coinvolgevano uomini d’affari legati al partito al governo della Slovacchia. Come segnala Valigia Blu, il giornalista si era anche occupato di persone vicine alla ‘Ndrangheta in Slovacchia e delle loro passate relazioni con il principale consigliere statale del primo ministro Robert Fico, Mária Trošková. Su quest’ultimo tema, Tom Nicholson, che lavorò anche con Kuciak, scrive su POLITICO che il giovane giornalista slovacco “fece progressi importanti (…). Ján aveva stretto un’alleanza con giornalisti investigativi italiani in grado di confermare le identità e le associazioni criminali degli italiani che erano attivi in ​​Slovacchia”.

Transparency sottolinea come esista una relazione tra libertà di stampa, corruzione percepita e violenza contro i professionisti dell'informazione. Dal 2012 a fine 2017, 368 giornalisti sono stati uccisi mentre svolgevano il proprio lavoro: il 96% di questi omicidi è avvenuto in Paesi dalla corruzione elevata nel settore pubblico, ovvero con punteggio CPI (Corruption Perception Index) inferiore a 45. L'Italia ha 50.

Inoltre, un giornalista su cinque tra quelli uccisi nel mondo stava indagando su casi di corruzione. Il Messico dal 2014 è sceso di sei punti nell'indice, passando da un punteggio di 35 a 29.

REUTERS/Radovan Stoklasa

Malta: Daphne Caruana Galizia

Il 16 ottobre è stata ammazzata Daphne Caruana Galizia, collega maltese fatta saltare in aria con una autobomba piazzata nella macchina presa a noleggio. A dicembre tre persone sono state formalmente accusate di omicidio ma la Federazione Europea dei Giornalisti ha lanciato un appello alle autorità maltesi per approfondire le indagini sui mandati reali dell'omicidio.

Daphne Caruana Galizia, REUTERS

Danimarca: Kim Wall

La giornalista freelance svedese è stata uccisa e fatta a pezzi in Danimarca ad agosto dopo essere salita a bordo del sottomarino civile di Peter Madsen. Stava scrivendo un articolo su di lui e sul crowdfunding che ha permesso la realizzazione del mezzo. Il processo a Madsen, che inizialmente aveva negato ogni coinvoglimento e aveva parlato di un incidente, inizierà a marzo 2018.

Kim Wall, Reuters

Russia: Nikolai Adrushchenko

Adrushchenko, 73 anni, è morto ad aprile in un ospedale di San Pietroburgo dopo essere stato picchiato selvaggiamente da degli assalitori sconosciuti sei settimane prima. Si occupava di crimine e violazioni dei diritti umani e aveva co-fondato il Novy Petersburg nel 1990. Nel 2007 era stato messo in carcere per diffamazione e ostruzione alla giustizia.

Nikolai Adrushchenko, REUTERS

Russia: Dmitry Popkov

Co-fondatore e caporedattore del quotidiano locale russo Ton-M, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nella città di Minusinsk il 24 maggio 2017. Il suo corpo è stato trovato nel suo cortile. C'è un'indagine in corso che punta a diverse piste, inclusa "l'attività professionale" della vittima".

Popkov era stato eletto nel parlamento regionale per il Partito Comunista e, durante la sua carriera, ha scritto di corruzione tra le forze dell'ordine.

Dmitry Popkov, REUTERS

Turchia: Saaed Karimian

Nell'aprile di quest'anno, il dirigente televisivo iraniano Saaed Karimian è stato ucciso a Istanbul, in Turchia. Degli uomini armati hanno fatto fuoco sul suo veicolo uccidendo anche il suo partner, originario del Kuwait. La macchina usata per l'esecuzione è stata poi trovata carbonizzata. La polizia turca sta ancora indagando sul caso.

Karimian, 45 anni, è stato fondatore e presidente della tv in lingua persiana GEM che doppia i programmi stranieri e occidentali nella lingua parlata in Iran. Per questo motivo, è stata criticata in passato dalle autorità iraniane con l'accusa di aver diffuso la cultura occidentale e mostrato programmi contrari ai valori islamici. Processato in contumacia da un tribunale di Teheran nel 2016, era stato condannato a sei anni di carcere per aver veicolato propaganda contro lo stato.

Saeed Karimian, Facebook GEM Group Network

Fonte per questo articolo