ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

70 anni fa il comunismo. Praga ricorda e riflette

Lettura in corso:

70 anni fa il comunismo. Praga ricorda e riflette

70 anni fa il comunismo. Praga ricorda e riflette
Dimensioni di testo Aa Aa

Da mitizzazione a condanna: Praga rimette in discussione il suo "Febbraio vittorioso"

Ieri celebrato per il trionfo sul male dell'utopia comunista, oggi ricordato come inizio del totalitarismo. Cadute la Cortina di Ferro e la retorica che ammantava la settimana cruciale, che 70 anni fa ridusse Praga a satellite di Mosca, del suo "Febbraio vittorioso" del 1948, la Repubblica Ceca ricorda oggi vittime e lezione per i posteri. "Quanto accadde allora è un avvertimento per tutti noi - riassume il vicepresidente della Federazione dei prigionieri politici, Frantisek Sedivy -. Dobbiamo continuare a ricordarcene, perché il passato non si ripeta. Questa è la sfida per le generazioni di oggi".

Raffiche sugli studenti in marcia: il 25 febbraio 1948 l'inizio di un incubo

Il 25 febbraio del 1948 salve di mitragliatrici sulla folla repressero nel sangue una marcia di 6.000 studenti, che chiedevano al presidente Benel di non consegnare il paese ai comunisti. Un appello rimasto inascoltato e che, dopo la nomina alla guida del Paese di Klement Gottwald, lastricò la storia nazionale di processi sommari, persecuzioni e un totale di oltre 4.500 morti.