ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

il governo di Haiti sospende Oxfam

Lettura in corso:

il governo di Haiti sospende Oxfam

il governo di Haiti sospende Oxfam
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo il caso degli scandali sessuali, il governo di Haiti ha deciso di spospendere l'autorizzazione di Oxfam ad operare nel paese.

Il ministro della Pianificazione e della Cooperazione di Haiti ha spiegato che la Ong a commesso un «grave errore» non informando le autorità locali che i loro dipendenti avevano pagato alcune prostitute in cambio di sesso nel 2011.

"L' errore di Oxfam Gran Bretagna", ha detto il ministro, "è stato quello di aver negato alle vittime l'accesso ai diritti civili. Per questo il governo ha deciso di ritirare alla Ong, la licenza per operare nel paese".

La decisione del governo di Haiti per adesso è temporanea e verrà confermata tra due mesi. Oxfam che soltanto pochi giorni fa si è scusata pubblicamente per la prima volta con il governo di Haiti ha ammeso la veridicità delle inchieste e ha reso noto un rapporto dell'organizzazione del 2011 sul caso .4 dipendenti sono stati licenziati e altri tre hanno rassegnato le dimissioni in seguito all'indagine interna.

"Oxfam Italia e altre affiliate, come Oxfam Spagna e Oxfam Quebec, continueranno a lavorare a importanti progetti di sviluppo e ricostruzione in aiuto della popolazione di Haiti", si legge in una dichiarazione della Ong. "La sospensione temporanea di Oxfam Gran Bretagna avrà comunque un impatto significativo sulle operazioni: Oxfam interviene a sostegno di 750.000 perone ad Haiti, concentrandosi attualmente su progetti di sviluppo di lungo termine, il budget annuale è di 13 milioni di euro a cui Oxfam Gran Bretagna contribuisce con 3,2 milioni di euro".

Simon Ticehurst, direttore nella regione di Oxfam International si è impegnato a collaborare pienamente alle indagini per ristabilire la fiducia e la collaborazione che hanno contrassegnato 40 anni di storia e relazione con Haiti e i suoi cittadini.