ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un intero paese spagnolo si mette a dieta per perdere 100mila chili in 2 anni

Lettura in corso:

Un intero paese spagnolo si mette a dieta per perdere 100mila chili in 2 anni

Un intero paese spagnolo si mette a dieta per perdere 100mila chili in 2 anni
@ Copyright :
Foto di Bruno Nascimento on Unsplash
Dimensioni di testo Aa Aa

Il municipio galiziano di Narón, al nord-ovest della Spagna, ha 39.426 abitanti e un eccesso di 100mila chili da smaltire. Almeno secondo una iniziativa del Comune che vuole promuovere uno stile di vita sano per la propria collettività.

Dieta senza grassi né eccessi, esercizio fisico e controlli medici trimestrali sono alle basi di questo programma. Ma la cosa particolare è che lo seguirà tutta la popolazione locale allo stesso tempo, cercando di perdere l'adipe in eccesso in maniera salutare.

Chiunque può iscriversi al "regime dietetico" comunale nel più vicino centro di salute mentre i bambini impareranno a conoscere le risorse nutrizionali che offre la zona e i ristoranti saranno tenuti ad offrire menu più sani.

100mila motivi di peso

Secondo Carlos Piñeiro, medico responsabile del progetto, "le nostre motivazioni sono di peso, ma si tratta dei chili di peso in eccesso".

Sei abitanti di Narón su 10 sono in sovrappeso. L'obesità in Galizia colpisce il 19,18% della popolazione rispetto al 17,03% della media spagnola, secondo l'Istituto di statistica galiziano.

Piñeiro spiega tuttavia che l'iniziativa non è stata lanciata perché il problema sia peggiore che in altri comuni spagnoli o europei ma per frenare una tendenza globale e come maniera per lottare contro le malattie legate all'obesità.

"In dieci anni l'obesità è aumentata di 2 punti e in sovrappeso di 5. Questo aumenta la probabilità di contrarre malattie croniche", dice a euronews, " e noi vogliamo correggere questi fattori".

L' obiettivo ultimo del piano è quello di donare all'ONG locale Centro de Recursos Solidarios Narón tutti i chili perduti... in alimenti. Riteniamo che sia sufficientemente giusto che l'eccesso copra il difetto", continua il medico.

Alimentazione a base di pesce e frutti di mare

Narón, cittadina sulle rive dell'Oceano Atlantico, vanta una gastronomia locale a base di vongole, nasello, rombo, ostriche, crostacei.. Tutti questi prodotti faranno parte della dieta per perdere peso.

"I pazienti adotteranno una dieta atlantica", spiega Piñeiro, "caratterizzata dall'alto consumo di pesce e molluschi. Anche i ristoranti locali si uniscono all'iniziativa integrando una serie di menù adeguati alla dieta atlantica".

"Insegnare come mangiare bene non è nulla di nuovo", riferisce a euronews Marián Ferreiro, sindaco di Narón, secondo cui il piano non riguarda la dieta in senso stretto ma una cultura diffusa che mira a considerare sempre l'etichetta dei prodotti acquistati e cucinare in modo sano.

Su una bilancia, Ferreira e i suoi concittadini hanno fatto appello affinchè anche i vicini si uniscano al programma. La somma totale è stata di 1.174,5kg

Anche i bambini protagonisti della dieta: a piedi fino a scuola

"Se i bambini mantengono uno stile di vita adeguato e attivo, convinceranno il 90% dei genitori", continua Piñeiro.

A tal fine, i più giovani studieranno a fondo i giardini comunali e le proprietà nutrizionali offerte dall'ambiente circostante, indagando cause e fattori che portano all'obesità.

Inoltre saranno incoraggiati a raggiungere scuola in "maniera attiva". Piñeiro sostiene che ci sono 600 bambini che vanno a scuola da soli, senza macchina, a piedi, in bici o monopattino. "In futuro speriamo che questo numero raggiunga i 4.000 bambini".

Per garantire che la sicurezza non interferisca con i buoni propositi, ai bambini è stato fornito un braccialetto che avverte i genitori quando arrivano a scuola. La polizia locale li accompagnarà e offrirà le necessarie deviazioni al traffico.

Turismo di Naron

Il programma ha anche un percorso specifico per gli over-70 che durante la settimana potrano fare ginnastica, danza terapeutica, nuoto e passeggiate di 8 chilometri.

Questo gruppo "ha ridotto i ricoveri ospedalieri per malattie croniche del 38%", dice Piñeiro. "Se il programma continua ad espandersi, risparmieremo 1,8 milioni di euro all'anno" in spese mediche, afferma.

"Tutti qui vogliono la stessa cosa, siamo una comunità"

L'aspetto fondamentale del nuovo regime di Narón è la collaborazione di tutti i settori della popolazione: politici, medici, fisiatri, professori, infermieri, informatici, agenti di polizia, insegnanti, ristoratori, bambini, associazioni di quartiere.....

"Abbiamo una sana competitività per migliorare la qualità della vita", dice il medico. "La popolazione di Narón è come un laboratorio vivente che sta costruendo il proprio futuro con un mix di conoscenza ed esperienza", conclude. "Viviamo insieme in paese per condividerne [le gioie] giorno dopo giorno e stare meglio in comunità".