ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Conferenza sulla sicurezza globale: la seconda giornata

Lettura in corso:

Conferenza sulla sicurezza globale: la seconda giornata

Conferenza sulla sicurezza globale: la seconda giornata
Dimensioni di testo Aa Aa

Limitare le ingerenze della Russia soprattutto nell'est dell'Europa questo uno dei temi discussi alla 54 esima conferenza sulla sicurezza globale in corso a Monaco di Baviera. A partecipare i capi di stato di 21 paesi, tra gli altri argomenti il futuro dell'Europa, i rapporti con gli Stati Uniti e la crisi in Medio Oriente. Fondamentale per Nicholas Burns, ex ambasciatore Usa alla Nato continuare gli impegni presi:

La Nato si sta rafforzando per contenere il potere russo nell'Europa dell'est. Considerando quello che ha fatto la Russia con la Crimea, nel Donbass e in Georgia. I ministri della difesa della Nato hanno deciso di aumentare i finanziamenti. Abbiamo un esercito in Polonia e nei paesi baltici. La Nato su questo è unita, abbiamo continuamente imposto sanzioni contro la Russia.

ll capo del comitato del Consiglio della Federazione per gli affari esteri russo, Konstantin Kosachev spiega perchè la posizione della Nato è sbagliata:

L'unico approccio che per la Russia ha un senso sta nel considerare la sicurezza un aspetto indivisibile. La cooperazione nell'ambito della sicurezza, non deve essere in blocchi. Il mantenimento della Nato provoca nuove minacce. La sua dialettica è sempre stata in chiave anti-russa.Cercano di dare la colpa alla Russia per tutti i problemi dell'occidente.

Nella giornata di sabato alcune organizzazioni pacifiste hanno manifestato a Monaco, a favore del disarmo e contro la Nato. Alla protesta che ha radunato centinaia di attivisti ha partecipato anche la popolazione curda per opporsi all'ingresso delle truppe turche nella regione di Afrin.