ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russiagate, incriminati 13 cittadini russi

Lettura in corso:

Russiagate, incriminati 13 cittadini russi

Russiagate, incriminati 13 cittadini russi
Dimensioni di testo Aa Aa

Potrebbe essere a una svolta il caso del Russiagate: per la prima volta, la giustizia americana ha infatti emesso dei capi d'accusa diretti ad ambienti legati al Cremlino. Ad essere incriminati, con l'accusa di aver interferito nelle elezioni Presidenziali del 2016, sono 13 cittadini russi. A darne notizia è il procuratore speciale Robert Mueller, che coordina l'inchiesta: "gli imputati - spiega il vice procuratore Rod Rosenstein - hanno condotto contro gli Stati Uniti quella che loro stessi chiamavano 'guerriglia informativa',con l'obiettivo di diffondere sfiducia verso i candidati e il sistema politico in generale".

Secondo una nota dell'Ufficio del procuratore, oltre ai 13 russi l'ordinanza riguarderebbe anche "3 entità vicine a Mosca": per tutti, l'accusa sarebbe di aver cospirato con il fine di commettere una frode contro gli Stati Uniti; mentre quelle che nel documento vengono definite "entità" sono inoltre accusate di frode telematica e bancaria. Cinque dei cittadini russi  avrebbero commesso anche un furto di identità aggravato.

Stando alle 37 pagine del documento prodotto da Mueller, il gruppo avrebbe utilizzato illegalmente i social media per sostenere la candidatura di Donald Trump, screditando al contempo la sua avversaria Hillary Clinton.

Alla fine di gennaio, Mueller aveva espresso la volontà di interrogare il Presidente Trump in merito al caso: quest'ultimo aveva affermato "di non vedere l'ora di poter essere ascoltato", ma in seguito i suoi legali avevano espresso parere negativo e ad oggi il colloquio non è mai avvenuto.