ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alle prossime elezioni europee Juncker vuole gli "spitzenkandidaten"

Il presidente della Commissione europea ha presentato una serie di proposte per il futuro dell'Europa

Lettura in corso:

Alle prossime elezioni europee Juncker vuole gli "spitzenkandidaten"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il presidente della Commissione europea sdogana una serie di proposte per il futuro dell'Unione europea. Mercoledì, al termine della consueta riunione con il colleggio dei commissari, Jean-Claude Juncker ha riaffermato la sua posizione circa l'adozione di una nuova procedura ufficiale con cui il parlamento europeo potrebbe eleggere il prossimo presidente dell'esecutivo UE.

"Per le elezioni europee del 2019 sono favorevole ad usare un sistema che preveda una lista contenente i nomi dei candidati principali presentati in anticipo ai partiti politici e a intraprendere dibattiti tra tutti i candidati di tutti i paesi europei", ha dichiarato.

Jucnker paventa anche una riforma più audace dell'assetto istituzionale, volta a evitare lo stallo nel processo decisionale in caso di posizioni divergenti tra l'esecutivo UE ed il Consiglio.

"Propongo di unire le cariche di Presidente della Commissione europea e del Consiglio europeo, penso che sia utile farlo, ma comunque ciò non potrà avvenire prima delle elezioni del 2019".

Il politico lussemburghese termina poi con una provocazione per quegli Stati contrari ad aumentare il contributo nazionale al bilancio europeo, che secondo Juncker andrebbe invece adeguato anche in vista della Brexit. "Dobbiamo operare tagli nel settore della politica agricola comune e nel campo della politica di coesione, se vogliamo soddisfare tutte le nuove priorità che dobbiamo in mente. Ma non sono favorevole a dei tagli brutali". 

Già a settembre il numero uno della Commissione europea aveva fatto presente che per sostenere gli impegni europei, come immigrazione e sicurezza e lotta al cambiamento climatico, sono necessarie maggiori risorse finanziarie.