ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ue, Moscovici: "La Grecia presto in una nuova era"

Lettura in corso:

Ue, Moscovici: "La Grecia presto in una nuova era"

Intervista esclusiva con il Commissario Europeo, Pierre Moscovici
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo Davos è la volta di Atene. Il Commissario Europeo per gli Affari Economici, Pierre Moscovici, segna le tappe dell'uscita definitiva della Grecia dai programmi di salvataggio negli incontri con il premier greco Alexis Tsipras.

"Non sto discutendo di un'uscita pulita, soft o dura - ha detto Moscovici nell'intervista esclusiva a Euronews - sto parlando della conclusione positiva del programma. Cosa significa? Vuol dire che bisogna arrivare sino alla fine del programma. È necessario che tutti gli obblighi siano osservati e la Grecia sarà pronta ad entrare in una nuova era. Non ci sarà niente che possa assomigliare a un falso programma. Non sono favorevole a un programma preliminare".

La conferma è arrivata a Davos: la Grecia sta lavorando per uscire dai programmi di salvataggio ad agosto 2018. Ad Atene Moscovici ha fatto anche un cenno al cambiamento in Germania: "Io penso - ha dichiarato - che il cambiamento in Germania sia un segnale. Penso che il fatto che i socialdemocratici abbiano chiesto il ministero delle finanze sia un segno. Significa che naturalmente non ci si deve aspettare che la Germania rinunci alla sua cultura incentrata sulla stabilità. La Germania non aumenterà il deficit, la Germania continuerà a essere un partner serio. Ma c'è anche una volontà ed è quella di portare avanti una forte azione pubblica per affrontare le politiche sugli arrivi e per avere una maggiore integrazione europea".

Atene punta adesso a rientrare presto nel "semestre europeo", ovvero nel processo periodico di allineamento dei bilanci e riforme a livello europeo. L'impegno della Grecia non è messo in discussione: "Questo è un governo serio. È un governo filoeuropeo, pienamente in linea con gli impegni presi - ha commentato Moscovici - Questo non è un vulnus alla democrazia. Avere degli impegni da rispettare non significa rinunciare ai propri obiettivi politici, a puntare ad esempio su misure che stimolino il business o interventi finalizzati al welfare".