ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Acqua del rubinetto più buona e accessibile per ridurre la plastica

Lettura in corso:

Acqua del rubinetto più buona e accessibile per ridurre la plastica

Acqua del rubinetto più buona e accessibile per ridurre la plastica
Dimensioni di testo Aa Aa

La battaglia contro la plastica passa anche attraverso l'acqua. Con una proposta di revisione della direttiva generale sull'acqua presentata giovedì, la Commissione europea punta ad aumentare gli standard di qualità dell'acqua potabile nell'Unione europea. Nel testo gli Stati membri sono invitati a installare fontanelle pubbliche nelle città e i ristoranti a offrire gratuitamente acqua di rubinetto invece che in bottiglia.

"Le bottiglie di plastica sono tra gli oggetti più comunemente ritrovati nelle spiagge europee - ha dichiarato Karmenu Vella, commissario all'ambiente-. Vogliamo seriamente metter fine all'uso indiscriminato della plastica"

Si stima che bevendo acqua di rubinetto i cittadini possano risparmiare fino a 600 milioni di euro all'anno. Eppure in Europa ci sono ancora gruppi di persone che non hanno accesso diretto all'acqua potabile. Come in Spagna, dove le aziende private staccano la fornitura a chi non può permettersi di pagarla.

"Sono venuti due poliziotti con un'ordinanza del tribunale: sono entrati e hanno tagliato l'acqua", racconta da Vistabella Josefa fernandez Correas. Io ero incinta di nove mesi, sul punto di partorire e con un bambino di due anni asmatico. Ci hanno lasciato senza acqua".

Frutto di un'iniziativa dei cittadini europei lanciata nel 2014, la proposta impone agli Stati membri di garantire l'accesso all'acqua potabile anche per i gruppi più vulnerabili e emarginati, come i Rom. Ma secondo Pablo Sanchez Centella, dell'Unione dei servici pubblici europei, questo testo non riconosce l'acqua tra i diritti umani.

"Stiamo aspettando che la Commissione europea abbia il coraggio di fare ciò che ha fatto il governo sloveno, il quale ha modificato la costituzione e ha riconosciuto il diritto all'acqua come un diritto costituzionalmente garantito".

Una migliore gestione e qualità dell'acqua potabile potrebbe ridurre il numero di persone nell'UE la cui salute è potenzialmente a rischio da 20 a circa 4 milioni.