ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Enterprise Europe Network: i coach delle imprese che vogliono crescere

In Business Planet la storia di un'impresa olandese che grazie a Enterprise Europe è riuscita a fare business del mondo.

Lettura in corso:

Enterprise Europe Network: i coach delle imprese che vogliono crescere

Dimensioni di testo Aa Aa

Business Planet, questa volta va nei Paesi Bassi. Una delle sfide che gli imprenditori devono affrontare è essere in grado di investire, innovare e quindi conquistare nuovi clienti a livello internazionale.

Stan Francke, project advisor per Enterprise Europe Paesi Bassi, è uno dei rappresentanti della rete.

Enterprise Europe Network

Maggiori informazioni sulla mobilità sostenibile e Enterprise Europe Network

  • I trasporti rappresentano quasi un quarto delle emissioni di gas serra in Europa e sono la causa principale dell’inquinamento atmosferico nelle città.
  • Per raggiungere l’obiettivo a livello UE di tagliare le emissioni di CO2 di almeno del 40% nel 2030, è necessaria una riduzione delle emissioni derivanti dal trasporto su strada. Le nuove tecnologie verdi, come le auto elettriche e gli autobus, possono aiutare a raggiungere questi obiettivi.
  • L’EEN aiuta le piccole e medie imprese (PMI) ambiziose a innovare e crescere a livello internazionale nell’UE e oltre. La rete è attiva in oltre 60 paesi in tutto il mondo. Riunisce 3.000 esperti provenienti da oltre 600 organizzazioni, tutti rinomati per la loro eccellenza nel supporto alle imprese.
  • Gli esperti della rete riconoscono il potenziale di innovazione e possono aiutare le PMI ad accedere ai finanziamenti, ad esempio tramite lo strumento per le PMI che le aiuta a sviluppare idee innovative e ad affrontare la concorrenza del mercato globale.

Collegamenti utili

Stan Francke spiega che il suo ruolo è quello di aiutare le aziende innovative a espandere la propria attività a livello internazionale. “Uno dei miei compiti è analizzare i loro bisogni e aiutarli a trovare il giusto coach” – dice.

Serge Rombi, giornalista euronews visita un’impresa che è stata accompagnata da Enterprise Europe, Heliox.
Siamo nelle strade di Eindhoven. Le reti di trasporto pubblico verdi si stanno moltiplicando anche perché l’Europa intende ridurre le proprie emissioni di CO2 di almeno il 40% entro il 2030.
Affinché queste reti siano efficaci, gli autobus devono essere ricaricati regolarmente e rapidamente. Questo è stato ben compreso da una PMI locale, Heliox, che ha sviluppato dei caricabatterie ultra veloci che consentono di eseguire ricariche extra in meno di 5 minuti! Heliox

Mark Smidt, direttore settore sviluppo di Heliox spiega: “Fa bene al nostro pianeta. ai nostri bambini e all’economia, perché creiamo posti di lavoro: creiamo un’economia sostenibile e circolare. Quindi va bene per tutti”.

Sono già stati creati circa 60 posti di lavoro, senza contare l’attività dei subappaltatori.
Molto presto questi caricatori equipaggeranno una flotta di autobus all’aeroporto di Amsterdam.

Ciò ha consentito loro di accedere ai fondi europei per l’innovazione attraverso il programma per le PMI Orizzonte 2020 e di beneficiare di un coach per migliorare il marketing e trovare clienti internazionali.

Mark Smidt: “Ci hanno trovato un coach nel Regno Unito e questo ci ha aiutato a identificare e agganciare i mercati potenziali nel Regno Unito. Idem per l’Australia e Nuova Zelanda. Il risultato? Ora stiamo già consegnando i nostri prodotti alla Nuova Zelanda e nel Regno Unito e l’Australia seguirà a breve, penso tra qualche mese”.

Serge Rombi: “Oltre all’accesso al finanziamento e al coaching, quali altri servizi offre Enterprise Europe?”

Stan Francke: “Beh in effetti molte cose. Per esempio noi proviamo ad aiutare le imprese a partecipare a eventi internazionali e forniamo informazioni sui diritti di proprietà”.

Serge Rombi: Se io sono un imprenditore: come posso rivolgermi a voi?

Stan Francke: “Ci sono più di 3000 esperti in 600 organizzazioni in più di 60 Paesi pronti ad ascoltare i vostri bisogni. Vi aiuteranno a concretizzare le vostre ambizioni internazionali”.