ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Invasione turca di Afrin, l'altolà di Donald Trump

In una telefonata a Erdogan, Trump lo ha esortato a evitare azioni militari che potrebbero portare i suoi soldati a ingaggiare scontri con le forze americane.

Lettura in corso:

Invasione turca di Afrin, l'altolà di Donald Trump

Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre continuano le operazioni dell'esercito turco nella regione di Afrin, nuovi razzi sparati dal territorio curdo-siriano hanno raggiunto la città turca di Kilis.

Secondo l'agenzia di stampa turca Anadolu, i razzi sarebbero stati sparati dalle milizie curde dello Ypg, colpendo la moschea di Calik: il bilancio sarebbe di due morti - un turco e un siriano - e 11 feriti.

Nel frattempo, le forze speciali tuche, accompagnate da ribelli siriani armati da Ankara, starebbero approcciando la città di Afrin su tre lati,  incontrando però una strenua resistenza da parte curda.

E in una telefonata intercorsa con Erdogan, il presidente americano Trump lo ha invitato allentare le tensioni evitando ulteriori vittime civili e un nuovo esodo di profughi; ed esortrandolo inoltre a evitare azioni militari che potrebbero portare le sue truppe a scontrarsi con i contingenti americani di stanza nella regione,

Secondo l'osservatorio siriano per i dirtti umani, la conta dei morti sarebbe salita ormai a 106: gli ultimi bombardamenti avrebbero ucciso anche una donna e quattro bambini, portando a 30 le vittime civili