ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Theresa May a Davos: "L'UK non può andare in un'altra direzione sul commercio"

Lettura in corso:

Theresa May a Davos: "L'UK non può andare in un'altra direzione sul commercio"

© Copyright :
REUTERS/Denis Balibouse
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Primo Ministro britannico Theresa May esortato la comunità internazionale a sollecitare nuove misure per promuovere il libero scambio e la compravendita di servizi tra paesi, aggiungendo che il Regno Unito non può "spingere in una direzione opposta" sulla questione del commercio internazionale. 

Lo ha fatto nel suo discorso alla platea del World Economic Forum, sul cui podio ieri sono saliti Gentiloni, Merkel e Macron.

"Francamente, troppo spesso la nostra retorica del libero scambio qui a Davos non corrisponde alle nostre azioni", ha detto il Primo Ministro, il quale ha sottolineato che il Regno Unito continuerà ad essere un "sostenitore globale" delle transazioni senza barriere quando lascerà l'Unione Europea.

Il capo di governo britannico ha detto che l'Organizzazione mondiale del commercio (WTO) dovrebbe intraprendere riforme per "tenere il passo con lo sviluppo dell'economia globale" e, in particolare, promuovere accordi internazionali sui servizi.

La parte sulle compagnie Big Tech e i social media

Non tutto il suo discorso verteva sul commercio internazionale. May ha esortato le aziende tecnologiche "che impiegano alcune delle menti più brillanti del mondo" a progettare un sistema in cui i contenuti inaccettabili vengano eliminati automaticamente.

Nessuno vuole essere noto come "la piattaforma dei terroristi" o "l'app di prima scelta per i pedofili"

Tre priorità fondamentali riassunte dal Guardian:

  • Considerare la necessità di nuove regolamentazioni per queste piattaforme tecnologiche
  • Gli investitori devono riflettere sull' impatto sociale delle imprese in cui investono.
  • Lavorare sulle implicazioni etiche dell'Intelligenza Artificiale

Non sono stati in molti ad ascoltare il suo intervento, tuttavia.

Theresa May dovrebbe incontrare Donald Trump, presidente USA, a Davos, riporta il Guardian, anche se la pm inglese è stata accusata di ignorare gli imprenditori per "mangiare fonduta".