ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Montecarlo le suggestioni de "I racconti di Hoffmann"

Lettura in corso:

A Montecarlo le suggestioni de "I racconti di Hoffmann"

Dimensioni di testo Aa Aa

Jaques Offenbach non ha mai completato "I racconti di Hoffmann". Morì prima di terminare la strumentazione. Il capolavoro è tra le opere più modificate della storia. Nella messa in scena all'Opéra di Monte Carlo la regia e l'interpretazione hanno un tono più familiare.

"Questo teatro ha una storia legata a Hoffmann, fu qui che venne riarrangiata l'ultima versione dell'atto veneziano e l'impresario del teatro componeva compose il settetto che è sempre rimasto presente nell'opera, in questo atto veneziano", dice Juan Diego Flórez

"L'atto di Venezia, quello di Giulietta, non è mai stato presentato in una prima per la mancanza di spartiti. Raoul Gunsbourg, il geniale direttore dell'opera di Monte-Carlo, ha deciso che un compositore francese avrebbe dovuto scrivere la musica che mancava, lui ha composto alcune parti, e il famoso settetto che non fu composto da Offenbach; questo significa che si può saltare l'atto di Venezia? Assolutamento no.", fa notare Jean-Louis Grinda, direttore dell'Opéra di Monte Carlo. "L'atto di Venezia è un atto di riflessione in cui Hoffmann perde la propria visione, il che significa che si sta perdendo nel suo dramma interiore ma è proprio questo che lo renderà migliore perché da questo momento in poi la sua vita d'artista si ribalterà."

"Questo teatro è speciale perché è piccolo, è un gioiello, è un capolavoro architettonico, si chiama Teatro Garnier. Per i cantanti che si esibiscono qui è tutto meraviglioso perché sentiamo cosa le nostre voci stanno trasmettendo. Sentiamo che tutti ci sentono, non dobbiamo forzare. È un grande teatro per la voce", aggiunge il tenore.

Altro da musica