ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Paul Bocuse: il ricordo di un grande cuoco

Lettura in corso:

Paul Bocuse: il ricordo di un grande cuoco

Paul Bocuse: il ricordo di un grande cuoco
Dimensioni di testo Aa Aa

Il grande chef Paul Bocuse ha ottenuto le tre stelle Michelin - la prima nel 1958, la seconda nel '62 e la terza nel '65 - e non le ha mai perse per oltre 50 anni.

Siamo andati in un luogo che il maestro conosceva bene, all mercato les Halles, a Lione.

Così la nostra inviata: "In questo mercato, un tempio della gastronomia a Lione, Bocuse era un habitué. Veniva lui stesso a scegliere i suoi prodotti. Molti lo hanno conosciuto personaalmente e ne mantengono un ricordo commosso".

Dal formaggio alle carni, malgrado una malattia che lo aveva indebolito, Bocuse amava scegluere ancora le materie prime.

Così una venditrice di formaggi: "Veniva qui al mercato la domenica mattina per prendere un caffé. Le persone lo riconoscevano ovviamente. Era una star, ma non si comportava come tale. Era aperto verso gli altri e rispondeva alle domande della gente. Gli piaceva parlare con tutti". Aggiunge un macellaio: "Il signor Paul ha parlato molto di volatili della nostra regione nel mondo, facendoli conoscere. Esaminava la carne, il filetto e adorava cucinare questi polletti alla brace".

Molti turisti sono venuti qui in una sorta di pelllegrinaggio laico per visitare i luoghi di un gigante della gastronomia. "Siamo rimasti colpiti dalla sua morte" dice un turista, "è una pagina che si gira qui a Lione e questo mercato è un luogo simbolico, per questo dedichiamo un pensiero a questo cuoco".

Un altra persona dice : "Sono qui per esprimergli rispetto, per quello che rappresentava. Per il cibo, il vino e per avere una bella gionata a questo mercato".