ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Shutdown", Pence: "mossa dei democratici inaccettabile e deludente"

Lettura in corso:

"Shutdown", Pence: "mossa dei democratici inaccettabile e deludente"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il mancato accordo tra democratici e repubblicani per una legge che prorogasse i finanziamenti alle attività federali ha portato al tanto temuto "shutdown". Il vicepresidente Mike Pence, che faceva scalo in Irlanda, per il suo primo viaggio in Medio Oriente, ha commentato così ciò che è successo a Washington: "I democratici al Senato, con alcune eccezioni, hanno scelto di preferire la politica alla nostra difesa nazionale. Mettere la politica davanti agli obblighi del nostro governo è inaccettabile e deludente".

Il leader della maggioranza Mitch McConnel ha proposto in extremis una nuova legge per finanziare il governo per tre settimane, ma anche questo non è bastato. Inutile anche l'incontro, poche ore prima, tra il Presidente Trump e il democratico Schumer.

"Trump festeggia il suo primo anniversario alla Casa Bianca con uno 'shutdown'. Non è una cosa positiva per nessun Presidente", spiega la responsabile dell'ufficio di Washington di AP, Julie Pace. "Quello che vogliamo capire ora è quanto Trump sia disposto a trincerarsi: è disposto a mantenere lo shutdown per una settimana? Due? Durante l'amministrazione Obama, durò 16 giorni - è un periodo d'arresto molto lungo per gli impiegati governativi, per le limitazioni d'accesso ai parchi nazionali".

Durante il blocco amministrativo del 2013 si arrivò a un massimo di 850mila dipendenti statali, che furono messi temporaneamente in congedo. Allora, inoltre, fu serrata totale per i parchi nazionali e i musei.