ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Anche l'Antartide si sta sciogliendo: una spia del riscaldamento globale

Secondo gli ultimi rilevamenti nel corso dell'estate australe il livello della banchisa ha subito una riduzione senza precedenti

Lettura in corso:

Anche l'Antartide si sta sciogliendo: una spia del riscaldamento globale

Dimensioni di testo Aa Aa

Il continente antartico, come il polo Nord, è una delle regioni del mondo in cui gli effetti del riscaldamento globale sono più gravi. Durante l’estate le basi scientifiche accolgono esperti provenienti da tutto il mondo con l’obiettivo di studiare da vicino le conseguenze dei cambiamenti climatici.

Nell’isola di re Giorgio, la più grande delle Isole Shetland Meridionali, distante circa 120 chilometri dall’Antartide, ci sono una quindicina di basi scientifiche. La maggior parte serve solo per affermare una presenza nel continente, alcune tuttavia svolgono importanti lavori di ricerca.

Il Polo Sud e il Polo Nord sono gli ambienti in cui è più bassa l’influenza antropica, vale a dire dove gli effetti dell’intervento dell’uomo sono più deboli. E’ molto più facile determinare possibili cambiamenti climatici conducendo delle ricerche in luoghi in cui l’influenza antropica è così bassa.

Più volte a settimana i ricercatori dell’isola raccolgono campioni di acqua dal ghiaccio che si scioglie. L’obiettivo è quello di studiare la concentrazione di fitoplancton per valutare l’entità dei cambiamenti climatici.

Le misurazioni gli consentiranno di studiare le variazioni di temperatura, salinità del pH e ossigeno presente nell’acqua. Facendo misurazioni per ogni metro di profondità, il livello di concentrazione di microrganismi gli permette di capire le possibili variazioni di temperatura e di stabilire una relazione tra le variazioni che sarà in grado di fornire informazioni attendibili sui cambiamenti ambientali e climatici.

La superficie della banchisa antartica, fino a poco tempo fa immune agli effetti del riscaldamento globale, è diminuita drasticamente secondo gli ultimi rilievi. Nel corso del novembre del 2016, l’inizio della primavera in Antartide, l’estensione del ghiaccio si è ridotta da 16 a 14 milioni di chilometri quadrati.

Un fenomeno senza precedenti, provocato in parte da temperature da 2 a 4 gradi superiori alla media stagionale. Gli scienziati oggi concordano sul fatto che l’Antartide sia cruciale per condurre ricerche sui cambiamenti climatici.

Aumento delle temperature, scioglimento dei ghiacciai, pioggia che sostituisce la neve, inquinamento atmosferico: i cambiamenti climatici in Antartide generano sconvolgimenti che allarmano gli scienziati. Migliaia di pinguini sono morti di fame a causa del restringimento della banchisa. La flora intestinale di alcune lucertole è stata alterata mentre i coralli hanno subito un processo di sbiancamento dovuto alla temperatura dell’acqua e al suo grado di acidità sempre più elevato.